LTOTests

Colorazione di Gram

Articolo approvato dal Comitato editoriale di labtestsonline.org ed in corso di revisione da parte del Comitato editoriale italiano

In Sintesi

Perché?

Per rilevare la presenza ed identificare i batteri e talvolta i funghi (microrganismi) in un campione prelevato in corrispondenza di un sito di infezione; per classificare i batteri che crescono in coltura in modo da fornire delle indicazioni per gli ulteriori test necessari alla caratterizzazione degli stessi e alla somministrazione di una terapia mirata.

Quando?

Nel caso in cui il clinico sospetti la presenza di un’infezione batterica (e talvolta micotica); spesso ogni qualvolta venga richiesto l’esame colturale.

Il campione

Campioni di cellule o essudati, raccolti tramite lo sfregamento un tampone sterile nella sede dell’infezione; urine o escreato, raccolti in un contenitore sterile; fluidi biologici, tramite l’uso di aghi e siringhe; campioni provenienti da colture batteriche, tramite l’utilizzo di un tampone sterile.

La preparazione

No, nessuna.

L'Esame

La colorazione di Gram è una procedura utilizzata per rilevare la presenza di batteri e talvolta di funghi in campioni provenienti dai siti di sospetta infezione. Questo esame fornisce dei risultati in tempi brevi e, oltre a rilevare la presenza dei microrganismi, fornisce anche una prima classificazione.

Per l’esecuzione della colorazione di Gram, il campione, prelevato dalla sede della sospetta infezione, viene posizionato sopra un vetrino e asciugato. Il vetrino viene quindi trattato con un colorante specifico ed esaminato al microscopio da personale specializzato. Qualsiasi batterio presente può essere così classificato in base alla forma e al colore rilevati mediante l’analisi microscopica:

  • Colore – i batteri possono essere viola (Gram positivi) o rosa (Gram negativi)
  • Forma – le forme più comuni sono la forma rotonda (cocchi) o a bastoncino (bacilli)

L’osservazione delle modalità con cui i batteri sono raggruppati possono fornire ulteriori informazioni. Ad esempio, i cocchi possono essere da soli, in coppie, in gruppi di quattro, in raggruppamenti o in catena, mentre i bacilli possono essere fini, spessi, corti, lunghi o avere delle spore ad un’estremità. Mediante l’osservazione microscopica possono essere osservati anche i batteri intracellulari, ossia presenti all’interno dei leucociti.

La colorazione di Gram e la forma dei batteri possono fornire informazioni importanti riguardo i possibili agenti patogeni responsabili dell’infezione, Ad esempio, un batterio Gram-positivo associato con le infezioni da stafilococco, è lo Staphylococcus aureus. Un esempio di batterio Gram-negativo implicato spesso nelle infezioni delle vie urinarie è Escherichia coli.

Anche i funghi (nella forma di lieviti o muffe) possono essere riconosciuti tramite la colorazione di Gram, ma lo stesso non vale per i virus.

La colorazione di Gram è pertanto un utile esame di primo livello volto alla rilevazione ed identificazione generica del tipo di batteri o funghi presenti. I risultati, seppur preliminari, sono utili nella scelta degli esami da eseguire e talvolta nelle terapie che è possibile somministrare. La diagnosi deve però essere confermata dall’esame colturale e da altri test, come i test molecolari o immunochimici. Talvolta i test di sensibilità possono fornire utili indicazioni sull’efficacia terapeutica di certe classi di antibiotici.

Come e Perchè

Quali informazioni è possibile ottenere?

I test microbiologici più comunemente utilizzati per la determinazione della causa di un’infezione batterica sono la colorazione di Gram e l’esame colturale. Spesso, la determinazione della presenza di batteri Gram-positivi o Gram-negativi è di per se sufficiente per la prescrizione di un trattamento antibiotico nell’attesa di esami più specifici e approfonditi, come l’esame colturale. L’assenza o la presenza di leucociti fornisce inoltre delle informazioni utili riguardo l’appropriatezza del campione prelevato e analizzato, dal momento che spesso nelle sedi di infezione sono presenti i leucociti.

La colorazione di Gram può essere anche parte dell’esame colturale. Essa infatti viene eseguita anche sui campioni prelevati dalle colture batteriche cresciute in laboratorio, al fine di fornire una prima classificazione dei batteri presenti e quindi un’indicazione sugli esami di approfondimento da eseguire per l’identificazione precisa della causa dell’infezione.

Anche i funghi, inclusi i lieviti, possono essere rilevati tramite la colorazione di Gram.

Domande Frequenti

Quali sono i trattamenti appropriati per le infezioni batteriche?

Il trattamento principale per la maggior parte delle infezioni batteriche consiste nella somministrazione di terapia antibiotica. Nel caso di ascessi, è necessario effettuare incisioni o drenaggi poiché la concentrazione effettiva dell’antibiotico nella sede dell’infezione non sarebbe tale da poter essere efficace senza la preventiva rimozione del pus presente.

Immagini Correlate

Cocchi Gram Positivi
Cocchi Gram Positivi
Cocchi Gram Negativi
Cocchi Gram Negativi
Lactobacilli Gram Positivi
Lactobacilli Gram Positivi
Bacilli Gram Negativi
Bacilli Gram Negativi

Fonti

NOTA: Questa sezione è basata sulla ricerca che utilizza le fonti qui citate insieme all’esperienza collettiva della Revisione Editoriale di Lab Tests Online. Questa sezione  è periodicamente rivista dalla Revisione Editoriale e può essere aggiornata come risultato della revisione. Ogni nuova fonte citata sarà aggiunta alla lista e distinta dalle fonti originali. 

Fonti utilizzate nella revisione corrente

(© 2012) Cavanaugh D, Keen M, American Society for Microbiology. The Gram Stain: An Animated Approach. Available online at http://www.microbelibrary.org/library/gram-stain/3018-the-gram-stain-an-animated-approach through http://www.microbelibrary.org. Accessed September 2013.

(Updated July 22, 2103) Smith A, Hussey M, American Society for Microbiology. Gram Stain Protocols. Available online at http://www.microbelibrary.org/component/resource/gram-stain/2886-gram-stain-protocols through http://www.microbelibrary.org. Accessed September 2013.

(Updated February 21, 2013) Patolia S, et al. Gram Stain. Medscape Reference article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2093371-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed September 2013.

Uehara Y, et al. Impact of Reporting Gram Stain Results from Blood Culture Bottles on the Selection of Antimicrobial Agents.Am J Clin Pathol 2009 132:18-25. Available online at http://ajcp.ascpjournals.org/content/132/1/18.full?sid=b349478c-9108-4e9c-b957-5547886cb78c through http://ajcp.ascpjournals.org. Accessed September 2013.

Munson E, et al. Mechanisms To Assess Gram Stain Interpretation Proficiency of Technologists at Satellite Laboratories. J. Clin. Microbiol. November 2007 vol. 45 no. 11 3754-3758. Available online at http://jcm.asm.org/content/45/11/3754.long through http://jcm.asm.org. Accessed September 2013.

Forbes, B. et. al. (© 2007). Bailey & Scott's Diagnostic Microbiology, 12th Edition: Mosby Elsevier Press, St. Louis, MO. Pp 80-83.

Related Articles

sibioc white

Seguici su:

Farmacia online
© 2024 Labtestsonline. SIBIOC – MEDICINA DI LABORATORIO - Via Libero Temolo 4, 20126 Milano - C.F. 97012130585 - P.I. 06484860967 | Privacy Policy | Cookie Policy | WEB