LTOTests

Ciclosporina

Noto anche come: Per il nome commerciale consultare la Banca Dati AIFA (https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it)
Nome ufficiale: Ciclosporina
Ultima Revisione: 18.06.2018
Ultima Modifica: 14.09.2022

Revisore:

Prof. Antonio D'Avolio - Dipartimento di Scienze Mediche, Università di Torino; Laboratorio di Farmacologia e Farmacogenetica, Torino

In Sintesi

Perché?

Per determinare la concentrazione di ciclosporina nel sangue e verificare il raggiungimento dell'intervallo terapeutico; per il corretto mantenimento della terapia e per determinare il livello tossico per l’organismo.

Quando?

All’inizio della terapia, ogni giorno o due o tre volte alla settimana e poi periodicamente per monitorare il mantenimento del corretto dosaggio.

Il campione

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

La preparazione

No, nessuna. In genere il prelievo viene eseguito nel momento in cui la concentrazione di farmaco in circolo è minima, in genere subito prima dell'assunzione della dose successiva. Per esempio, nel caso della ciclosporina, che viene assunta due volte al giorno, il prelievo viene eseguito dopo 12 ore dall’ultima dose di farmaco. Nel caso in cui il prelievo debba essere effettuato al mattino, non assumere la dose di farmaco fino a che questo non venga eseguito.

L'Esame

Questo test misura la concentrazione di ciclosporina nel sangue. Si tratta di un farmaco
immunosoppressore, in grado di diminuire le difese immunitarie del paziente.


Di solito viene utilizzato per prevenire il rigetto nei trapianti d’organo (quali rene, fegato, cuore e altri organi). La ciclosporina infatti inibisce la capacità del sistema immunitario di riconoscere tessuti trapiantati come estranei e quindi di attaccarli. In questo modo, aumentano le probabilità di successo del trapianto e diminuiscono le probabilità di rigetto.


La ciclosporina può essere inoltre utilizzata per trattare i sintomi di alcune patologie autoimmuni, ossia patologie caratterizzate dall'attacco da parte del sistema immunitario di tessuti propri dell'organismo di appartenenza (detti self). Tra queste vi sono l'artrite reumatoide, la psoriasi, l'anemia aplastica, il morbo di Chron e altre. La ciclosporina aiuta a contenere la risposta immunitaria e a ridurre la gravità dei sintomi.


La ciclosporina deve tuttavia essere utilizzata con cautela e la sua concentrazione deve essere attentamente monitorata. Per questo motivo viene utilizzata solo in caso di sintomi particolarmente gravi, estesi e invalidanti e in assenza di risposta altre terapie.


La misura della concentrazione ematica di ciclosporina è utile per assicurare al paziente la giusta dose del farmaco (intervallo terapeutico). Se la concentrazione di ciclosporina è troppo bassa, può esservi il rigetto dell’organo trapiantato o la ricomparsa dei sintomi, in caso di malattie autoimmuni. Una concentrazione di ciclosporina troppo alta invece, può risultare tossica per l’organismo.

Come e Perchè

Quali informazioni è possibile ottenere?

La misura della ciclosporina ematica è utile per assicurarsi che essa sia presente in una concentrazione tale
da essere efficace senza però risultare tossica per l’organismo, ovvero che sia all'interno dell'intervallo terapeutico. La ciclosporina è un farmaco in grado di diminuire la risposta del sistema immunitario. Viene di solito prescritta in pazienti che abbiano subito un trapianto d'organo, per prevenire il rigetto, o in pazienti affetti da patologie autoimmuni, come l'artrite reumatoide o la psoriasi, per alleviare i sintomi.
Il monitoraggio della concentrazione di ciclosporina è importante per molte ragioni:

  • Non c’è buona correlazione tra la dose di farmaco che viene somministrata e la concentrazione che si trova in circolo.
  • L'assorbimento e il metabolismo della dose orale di ciclosporina varia da persona a persona e anche nello stesso individuo sulla base dei tempi di somministrazione e del cibo ingerito.
  • Possono esistere variazioni di concentrazione nel circolo sanguigno che dipendono dall’azienda produttrice e dalle modalità di preparazione del farmaco.
  • Nei pazienti trapiantati è importante che subito dopo l’intervento la concentrazione di ciclosporina sia sufficientemente elevata da prevenire il rigetto.
  • In caso di artrite reumatoide o di psoriasi la concentrazione del farmaco nel sangue deve essere sufficientemente elevata da diminuire i sintomi.
  • In caso di trapianto renale è importante poter distinguere il rigetto del rene dal danno renale indotto da quantità eccessive di farmaco.
  • La ciclosporina è associata ad effetti collaterali gravi che possono essere evitati monitorando la sua concentrazione.


Il monitoraggio della concentrazione del farmaco consente quindi di controllare che al paziente venga somministrata una quantità sufficiente di farmaco in grado di massimizzare i benefici e rendere minimi gli effetti tossici.

Domande Frequenti

Per quanto tempo è somministrata la ciclosporina?

Dipende dal paziente trattato e dal trattamento scelto. In caso di segni di rigetto dell’organo trapiantato, di tossicità o nel caso siano passati due o tre anni dall’inizio del trattamento, viene cambiata la terapia.

I pazienti affetti da patologie autoimmuni (artrite reumatoide, morbo di Chron, psoriasi e altre) vengono trattati con ciclosporina solo quando i sintomi sono acuti o quando altri farmaci sono inefficaci. Non è solitamente consigliato somministrare ciclosporina per più di un anno per gli effetti tossici che il farmaco comporta; è opportuno invece somministrare il farmaco per brevi periodi o a intermittenza (di solito per periodi di dodici settimane).

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

2018 review performed by Hui Li, PhD, DABCC, FACB, FCACB, Clinical Chemist, Dynacare.

(June 30, 2017) Cyclosporine A, Administration and Monitoring of (Version 11). Available online at https://www.nuh.nhs.uk/handlers/downloads.ashx?id=60846. Accessed on Feb 6, 2018.

Vari C, Tero-Vescan A, Imre S, Muntean Dl. Therapeutic Drug Monitoring Of Cyclosporine In Transplanted Patients. Possibilities, Controversy, Causes For Failure. Farmacia, 2012, Vol. 60, 5

Cambaceres CG, Rojas L, Fernandez MC, Licciardone N, Ferreira O, Diaz A, Moroni A, Moreno AD, Imventarza O. Monitoring Cyclosporine Microemulsion at Two Hours Post Dosing in Pediatric Maintenance Liver Transplant Recipients. Transplantation Proceedings. Volume 42, Issue 1, January– February 2010, Pages 361-362.

(June 1, 2013) BC Cancer Centers Cyclosporine monograph. Available online at http://www.bccancer.bc.ca/drug-database- site/Drug%20Index/Cyclosporine_monograph_1June2013_formatted.pdf. Accessed on Feb 6, 2018.

Psoriasis: Recommendations for cyclosporine | American Academy of Dermatology. Available online at https://www.aad.org/practicecenter/quality/clinical-guidelines/psoriasis/systemic- agents/recommendations-for-cyclosporine. Accessed on Feb 6, 2018.

2017 Clinical Guidelines For Transplant Medications- BC Transplant. Available online at http://www.transplant.bc.ca/Documents/Health%20Professionals/Clinical%20guidelines/Clinical%20Guidel Accessed on Feb 6, 2018.

Related Articles

sibioc white

Seguici su:

https://nowgreenhealthit.com/p/cialis