LTOTests

Teofillina e Caffeina

Revisore:

Prof. Antonio D'Avolio - Dipartimento di Scienze Mediche, Università di Torino; Laboratorio di Farmacologia e Farmacogenetica, Torino

In Sintesi

Perché?

Per misurare la concentrazione di teofillina o caffeina nel sangue in modo da stabilire l'appropriato dosaggio in corso di terapia e per valutare un'eventuale intossicazione.

Quando?

All’inizio della terapia farmacologica e ad intervalli regolari per monitorare la concentrazione ematica del farmaco; se richiesto, per rilevare quantità potenzialmente tossiche o insufficienti del farmaco.

Il campione

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio o tramite la puntura del tallone (neonati). Il campione viene di solito raccolto subito prima dell'assunzione della dose successiva di farmaco, quando dovrebbe essere alla concentrazione minima.

La preparazione

No, nessuna.

L'Esame

La teofillina e la caffeina sono farmaci (metilxantine) che aiutano e stimolano la respirazione. Questi test misurano la quantità di teofillina e caffeina nel sangue allo scopo di definirne il corretto dosaggio o per monitorare il mantenimento della concentrazione all'interno dell'intervallo terapeutico.

La teofillina è uno dei farmaci utilizzati nel trattamento di adulti e bambini affetti da asma o di adulti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), una patologia polmonare cronica ostruttiva. Si tratta di un broncodilatatore caratterizzato da una finestra terapeutica ristretta. Per l’asma sono disponibili formulazioni sia a breve durata che a lunga durata. La tossicità acuta della teofillina si manifesta con tachicardia e nausea. La tossicità cronica invece è associata con un incrementato rischio di convulsioni e aritmie cardiache. Sia la tossicità acuta che cronica possono essere pericolose per la vita.

La caffeina è utilizzata frequentemente negli adulti come analgesico (per alleviare il dolore), come rimedio per l’emicrania, per aumentare il livello di attenzione e diminuire la sonnolenza. E’ anche il farmaco d’elezione per il trattamento dell'apnea nei neonati prematuri, condizione frequente e da trattare e monitorare attentamente, poiché limita la quantità di ossigeno in grado di raggiungere i tessuti. Anche la teofillina consente di ridurre gli episodi di apnea ma, vista la sua maggiore tossicità rispetto alla caffeina, non viene preferita nel trattamento dei neonati prematuri. A dosi elevate, gli effetti tossici della caffeina sono comunque simili a quelli della teofillina.

Stabilire e mantenere la concentrazione terapeutica di questi farmaci può essere difficile. Sia la teofillina che la caffeina devono essere attentamente monitorate: l’intervallo di concentrazione all'interno del quale questi farmaci sono efficaci senza essere tossici è molto ristretto e spesso il dosaggio somministrato non correla bene con le quantità di farmaco rilevata nel sangue. La velocità con la quale questi farmaci vengono metabolizzati ha una notevole variabilità inter-personale: è minore nei bambini e negli anziani, ed è maggiore nei fumatori. Inoltre, i livelli ematici di questi farmaci possono essere influenzati anche dalla presenza di patologie come la polmonite, le malattie epatiche e l'ipotiroidismo, oltre che da infezioni acute o stati di malessere. Esistono molti farmaci in grado di interagire e interferire con il metabolismo della teofillina e della caffeina e quindi in grado di aumentare o diminuire la velocità con la quale vengono metabolizzate.

Come e Perchè

Quali informazioni è possibile ottenere?

La misura della teofillina e della caffeina nel sangue viene richiesta per stabilire l’appropriato dosaggio all'inizio della terapia e nel corso del monitoraggio. La teofillina e la caffeina vengono utilizzate per facilitare e stimolare la respirazione.

La misura della concentrazione ematica di teofillina viene richiesta normalmente al livello basale, ossia prima della successiva somministrazione del farmaco, quando si presume che sia ad un livello minimo. Può anche essere richiesta qualora il clinico sospetti la presenza di effetto tossici indotti dall’assunzione di teofillina. Nel caso sia necessaria l'assunzione di alti dosaggi di teofillina, possono essere effettuati più prelievi ad intervalli di tempo regolari in modo da valutare la quantità del farmaco nel sangue, fino al raggiungimento della concentrazione terapeutica.

Diversamente dalla teofillina, il dosaggio della caffeina, di solito, non viene monitorato con questo esame. I neonati prematuri ai quali viene somministrata la caffeina sono attentamente monitorati clinicamente per gli episodi di apnea, per l’eventuale comparsa di effetti tossici e per gli effetti fisiologici della caffeina. La maggior parte dei neonati trattati risponde a dosi terapeutiche standard senza la necessità di un monitoraggio dei livelli ematici di caffeina. Il test viene perlopiù richiesto in neonati non rispondenti alla terapia e in quelli che mostrano gli effetti di tossicità da caffeina. Nei neonati il dosaggio giornaliero e l’emivita (il dimezzamento delle concentrazioni) della caffeina comportano normalmente una stabilità nei livelli ematici di caffeina; perciò non è necessario prelevare un campione allo stato basale ma può essere prelevato in qualsiasi momento della giornata.

Domande Frequenti

E’ necessario riferire a tutti propri medici curanti l’assunzione di teofillina?

Si, è importante per la propria storia clinica e per la valutazione di un’eventuale assunzione di altri farmaci.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

2019 review performed by Kamisha L. Johnson-Davis, PhD, DABCC, FAACC, Associate Professor, University of Utah; Medical Director, ARUP Laboratories.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, 6th eds. St. Louis: ElsevierSaunders. Chapter 40: Therapeutic drugs and their management.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. McPherson R, Pincus M, 23rd eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier. Chapter 23: Toxicology and therapeutic drug monitoring.

(Revised 4/15/17) Theophylline. MedlinePlus. Available online at https://medlineplus.gov/druginfo/meds/a681006.html. Accessed January 2019.

(Review Date 6/13/2018) Apnea of prematurity. MedlinePlus. Available online at https://medlineplus.gov/ency/article/007227.htm. Accessed January 2019.

(January 2018) Pitone M. Apnea of prematurity. KidsHealth. Available online at https://kidshealth.org/en/parents/aop.html. Accessed January 2019.

Related Articles

sibioc white

Seguici su:

Farmacia online
© 2024 Labtestsonline. SIBIOC – MEDICINA DI LABORATORIO - Via Libero Temolo 4, 20126 Milano - C.F. 97012130585 - P.I. 06484860967 | Privacy Policy | Cookie Policy | WEB