LTOTests

Tau/Aß42

Noto anche come: approfondimenti/batteri-resistenti-agli-antibiotici.html
Nome ufficiale: Proteina Tau e peptite Beta amiloide 42
Ultima Revisione: 08.08.2019
Ultima Modifica: 04.09.2019

Articolo approvato dal Comitato editoriale di labtestsonline.org ed in corso di revisione da parte del Comitato editoriale italiano

In Sintesi

Perché?

Per la diagnosi differenziale tra la malattia di Alzheimer e altre forme di demenza.

Quando?

Questo test può essere richiesto, insieme ad esami cognitivi e di diagnostica per immagini, in pazienti che mostrano una qualche forma di demenza. Questi esami non sono eseguiti di routine in tutti i laboratori di analisi; generalmente è possibile eseguirli in contesti di ricerca.

Il campione

Un campione di liquido cefalorachidiano raccolto mediante puntura lombare.

La preparazione

Per tutte le informazioni necessarie rivolgersi al proprio medico curante.

L'Esame

Questo esame rileva il peptide beta amiloide 42 (Aß42) e la proteina Tau nel liquido cefalorachidiano e viene di solito richiesto nell'ambito degli approfondimenti richiesti per la diagnosi di malattia di Alzheimer. 

  • L’Aß42 è un peptide, ossia un frammento proteico. L’aumento della produzione di questo peptide può portare alla formazione delle placche senili.
  • La proteina Tau è invece una proteina strutturale del sistema nervoso centrale che, in seguito a modificazioni chimiche ossia alla saturazione con gruppi fosforici (P-tau), può formare i cosiddetti grovigli neurofibrillari, cioè degli accumuli di frammenti proteici all’interno dei neuroni in grado di distruggere la loro capacità di trasmettere i segnali nervosi.

La presenza di questi grovigli insieme alle placche senili rilevati durante le autopsie, sono considerati i segni diagnostici principali della malattia di Alzheimer.

La misura di Aß42 e di Tau nel liquido cefalorachidiano è di supporto alla diagnosi e al monitoraggio della malattia di Alzheimer. E’ stato dimostrato che una diminuzione di Aß42 associata a livelli elevati di Tau o P-Tau potrebbe predire l’esordio della malattia di Alzheimer.

Come e Perchè

Quali informazioni è possibile ottenere?

Gli esami per la misura della proteina Tau e per Aß42 possono esser utilizzati come esami supplementari nella diagnosi differenziale tra malattia di Alzheimer e altre forme di demenza. Questi esami non vengono prescritti in maniera routinaria e non sono largamente diffusi. Il loro utilizzo è limitato alla diagnosi in persone con sospetto di demenza nella quali siano già state escluse altre cause.

Domande Frequenti

Che tipo di esami viene generalmente richiesto per la valutazione di una persona con sospetta malattia di Alzheimer?

I pazienti con sintomi di demenza devono essere sottoposti a molteplici esami volti alla definizione della causa che l’ha originata. Questi esami includono una serie di test cognitivi (ad esempio il test di valutazione dello stato mentale) utili alla stima delle capacità di memoria e all’utilizzo di test come la PET utili alla rilevazione di anomalie dell’encefalo.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Simonsen, A. et. al. (2017 March). Recommendations for CSF AD biomarkers in the diagnostic evaluation of dementia. Alzheimers Dement. 2017 Mar;13(3):274-28. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28341065. Accessed February 2019.

Niemantsverdriet, E. et. al. (2017 July 27). Alzheimer's disease CSF biomarkers: clinical indications and rational use. Acta Neurol Belg. 2017; 117(3): 591–602. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5565643/. Accessed February 2019.

Martins, R. (2018 March 13). Alzheimer's Disease: A Journey from Amyloid Peptides and Oxidative Stress, to Biomarker Technologies and Disease Prevention Strategies-Gains from AIBL and DIAN Cohort Studies. J Alzheimers Dis. 2018;62(3):965-992. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29562546. Accessed February 2019.

(© 2018). Earlier Diagnosis. Alzheimer's association. Available online at https://www.alz.org/alzheimers-dementia/research_progress/earlier-diagnosis. Accessed February 2019.

Lautner, R. et. al. (2017 October 23). Preclinical effects of APOE ε4 on cerebrospinal fluid Aβ42 concentrations. Alzheimers Res Ther. 2017 Oct 23;9(1):87. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29061195. Accessed February 2019.

Li, G. et. al. (2017 July 3). Cerebrospinal fluid biomarkers for Alzheimer's and vascular disease vary by age, gender, and APOE genotype in cognitively normal adults. Alzheimers Res Ther. 2017 Jul 3;9(1):48. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28673336. Accessed February 2019.

Blennow, K. (2017 July 6). A Review of Fluid Biomarkers for Alzheimer's Disease: Moving from CSF to Blood. Neurol Ther. 2017 Jul;6(Suppl 1):15-24. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28733960. Accessed February 2019.

Jan, A. et. al. (2017 November 1). Perspective Insights into Disease Progression, Diagnostics, and Therapeutic Approaches in Alzheimer's Disease: A Judicious Update. Front Aging Neurosci. 2017 Nov 1;9:356. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29163138. Accessed February 2019.

Niemantsverdriet, E. et. al. (2018 April 10). Added Diagnostic Value of Cerebrospinal Fluid Biomarkers for Differential Dementia Diagnosis in an Autopsy-Confirmed Cohort. J Alzheimers Dis. 2018; 63(1): 373–381. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5900550/. Accessed February 2019.

Related Articles

sibioc white

Seguici su:

Farmacia online
© 2024 Labtestsonline. SIBIOC – MEDICINA DI LABORATORIO - Via Libero Temolo 4, 20126 Milano - C.F. 97012130585 - P.I. 06484860967 | Privacy Policy | Cookie Policy | WEB