Noto anche come
PRL
Nome ufficiale
Prolattina
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 09.01.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Nella donne, come approfondimento diagnostico in presenza di una secrezione continua e inspiegabile di latte o di fluidi da parte della ghiandola mammaria (galattorrea), assenza di ciclo mestruale e/o infertilità; negli uomini, come sostegno alla diagnosi delle cause di perdita di libido e/o disfunzione erettile; nella ricerca e nel monitoraggio di tumori ipofisari secernenti prolattina (prolattinomi).

Quando fare il test?

In presenza di sintomi riconducibili a quantità elevate di prolattina, come galattorrea e/o disturbi della vista o mal di testa; in corso di approfondimenti diagnostici riguardo l’infertilità; negli uomini in seguito al riscontro di quantità ridotte di testosterone; periodicamente nel monitoraggio del prolattinoma.

Che tipo di campione viene richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

 

Il test richiede una preparazione?

No. Tuttavia il campione dovrebbe essere raccolto dopo 3-4 ore dal risveglio.

L'Esame

La prolattina è un ormone prodotto dalla porzione anteriore della ghiandola pituitaria (ipofisi), un organo delle dimensioni di un chicco d’uva. La prolattina svolge un ruolo fondamentale nella promozione della produzione di latte da parte delle ghiandole mammarie; nelle donne non in gravidanza e negli uomini è normalmente presente in quantità limitata. Questo test misura la quantità di prolattina nel sangue.

La secrezione di prolattina è regolata e inibita dalla dopamina. I livelli di prolattina sono aumentati durante la gravidanza e dopo il parto. Durante la gravidanza, lo sviluppo delle ghiandole mammarie viene stimolato dalla secrezione di prolattina, estrogeni e progesterone. Dopo il parto, la prolattina promuove e stimola il mantenimento della produzione di latte. Nelle donne che non allattano al seno, i livelli di prolattina diminuiscono in tempi brevi fino al raggiungimento dei livelli presenti prima della gravidanza. Durante l’allattamento invece la suzione del neonato stimola la produzione di prolattina e quindi di latte materno. Esiste infatti un meccanismo a feedback tra la frequenza dell’allattamento e la produzione di prolattina e di latte.

Il prolattinoma è una delle cause più frequenti di innalzamento dei livelli di prolattina. La massa tumorale può inoltre insistere sul nervo ottico causando mal di testa e disturbi della vista oltre che interferire con la produzione degli altri ormoni ipofisari. Nelle donne, il prolattinoma può essere responsabile dell’infertilità e dell’irregolarità del ciclo mestruale mentre negli uomini può determinare una perdita progressiva della libido. Se non trattato, il prolattinoma può danneggiare i tessuti circostanti.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, non è necessaria alcuna preparazione ma può essere richiesto di eseguire l’esame dopo 3-4 ore dal risveglio mattutino.

     

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    La misura dei livelli di prolattina ha molteplici scopi. La prolattina è un ormone prodotto dall’ipofisi e il suo ruolo principale riguarda lo stimolo alla produzione di latte da parte della ghiandola mammamia durante la gravidanza e, soprattutto, dopo il parto durante l’allattamento.

    Il test della prolattina può essere utilizzato, insieme ad altri test ormonali, per:

    • Determinare la causa della produzione di latte non associata a gravidanza o allattamento (galattorrea)
    • Diagnosticare le cause di infertilità o disfunzione erettile negli uomini
    • Diagnosticare la causa di irregolarità del ciclo mestruale e/o di infertilità nelle donne
    • Rilevare e diagnosticare la presenza di un prolattinoma (ormone producente la prolattina), monitorarne il trattamento e rilevare eventuali ricadute
    • Valutare la funzionalità dell’ipofisi o la presenza di patologie ipofisarie
  • Quando viene prescritto?

    Il test della prolattina può essere richiesto nel caso in cui:

    • Una persona abbia sintomi di prolattinoma, come mal di testa inspiegabile, disturbi nella vista e/o inspiegabile presenza di secrezioni dalla ghiandola mammaria
    • Una donna abbia ciclo mestruale irregolare o sia infertile
    • Un uomo sia andato incontro a diminuzione della libido, presenti secrezioni dal capezzolo inspiegabili, sia infertile, abbia livelli bassi di testosterone

    In presenza di prolattinoma, la misura della prolattina può essere richiesta ad intervalli regolari per il monitoraggio della risposta terapeutica o dell’eventuale progressione del tumore. Inoltre può essere richiesto durante il follow-up nel monitoraggio di eventuali ricadute.

    La misura dei livelli di prolattina può essere richiesta insieme a quella di altri ormoni come l’ormone della crescita, nel caso in cui il clinico sospetti la presenza di patologie a carico dell’ipofisi, come l’ipopituitarismo.

    Talvolta la concentrazione di prolattina può essere monitorata in corso di assunzione di terapie in grado di interferire con la produzione di dopamina.

  • Che cosa significa il risultato del test?

    Gli uomini e le donne non in gravidanza, presentano di norma livelli ridotti di prolattina. Tuttavia, la valutazione dei livelli di prolattina richiede la conoscenza del momento della giornata nel quale il campione è stato prelevato. La concentrazione di prolattina nel sangue infatti varia durante il corso della giornata, con picchi mattutini e livelli minimi durante le ore di riposo. La condizione ottimale consiste nell’effettuare il prelievo dopo 3-4 ore dalla sveglia mattutina.

    Durante la gravidanza l’iperprolattinemia (presenza di concentrazioni elevate di prolattina) è normale, così come dopo il parto durante l’allattamento.

    Esistono altre condizioni associate ad elevati livelli di prolattina nel sangue:

    L’ipopituitarismo è spesso associato a concentrazioni sotto la norma della prolattina e degli altri ormoni ipofisari.

  • C’è qualcos'altro da sapere?

    Aumenti moderati della quantità di prolattina possono essere dovuti anche a stress indotto da condizioni di malessere, trauma toracico, convulsioni, cancro polmonare e l’uso di marijuana.

    Alcuni farmaci possono determinare l’aumento delle concentrazioni della prolattina; tra queste gli estrogeni, gli antidepressivi triciclici, il risperidone, gli oppiacei (reserpina, verapamil, metildopa) e alcuni farmaci utilizzati in caso di reflusso gastroesofageo (cimetidina). La stimolazione del capezzolo può determinare un aumento moderato della concentrazione ematica di prolattina.

    L’assunzione di farmaci come la dopamina, la levodopa e gli alcaloidi ergot-derivati, può invece determinare la diminuzione dei livelli di prolattina.

    I prolattinomi sono spesso tumori piccoli. Per la diagnosi di questi tumori, oltre alla misura dei livelli di prolattina nel sangue, il clinico deve avvalersi anche della risonanza magnetica nucleare al fine di localizzare e determinare le dimensioni del tumore in rapporto a quelle dell’ipofisi.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Quali altri test possono essere richiesti per la valutazione di livelli elevati di prolattina?

    Il ricorntro di livelli elevati di prolattina viene seguito da altri test, come la misura dei livelli di testosterone (in genere diminuito negli uomini con iperprolattinemia), di FSH e LH (come parte della valutazione della funzionalità ovarica e della fertilità) e come la risonanza magnetica nucleare encefalica (alla ricerca della presenza di tumori ipofisari) e una valutazione della presenza di disturbi della vista. Questo tipo di approfondimenti vengono in genere richiesti per escludere la presenza di macroprolattina (vedi domanda 4).

     

  • Perché il riscontro di iperprolattinemia comporta approfondimenti riguardanti la tiroide?

    Spesso l’ipotiroidismo è associato all’aumento dei livelli di prolattina; pertanto spesso il clinico, in presenza di iperprolattinemia, richiede degli apporfondimenti diagnostici riguardanti la tiroide.

  • Come viene trattato il prolattinoma?

    Il prolattinoma viene generalmente trattato con farmaci analoghi della dopamina (come la bromocriptina o la cabergolina) in grado di diminuire la quantità di prolattina. Il trattamento permette di riportare alla normalità i livelli di prolattina e ristabilire la normale fertilità, ma deve essere protratto per qualche mese o anche per anni. In caso di prolattinomi di dimensioni elevate e non sensibili ai trattamenti, può essere necessaria la rimozione chirurgica.. Talvolta, nonostante la terapia o la rimozione chirurgica, il tumore può ripresentarsi.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Gremida, A. and Lin, J. (Updated 2013 March 22). Prolactin. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2089400-overview#showall through http://emedicine.medscape.com. Accessed October 2013.

Benson, C. (Updated 2013 March 6). Prolactin Deficiency. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/124526-overview#showall through http://emedicine.medscape.com. Accessed October 2013.

Shenenberger, D. (Updated 2013 March 21). Hyperprolactinemia. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/121784-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed October 2013.

Meikle, A. W. and Miller, C. (Updated 2013 July). Amenorrhea. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/Amenorrhea.html?client_ID=LTD#tabs=0 through http://www.arupconsult.com. Accessed October 2013.

Bielak, K. and Popat, V. (Updated 2012 June 5). Amenorrhea. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/252928-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed October 2013.

Liou, L. (Updated 2012 September 17). Prolactin. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003718.htm through http://www.nlm.nih.gov. Accessed October 2013.

(© 1995–2013). Prolactin. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/8690 through http://www.mayomedicallaboratories.com. Accessed October 2013.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 790-792.

 

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Merck. Anterior Pituitary Function. The Merck Manual of Diagnosis and Therapy [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/pubs/mmanual/section2/chapter6/6c.htm through http://www.merck.com.

(2002 February 17 Updated). Prolactin. MEDLINEplus Health Information [On-line information]. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003718.htm.

(2002 July 24, Updated). Prolactinoma - males. MEDLINEplus Health Information [On-line information]. Available online athttp://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000337.htm.

Pituitary: Overview. The Hormone Foundation [On-line information]. Available online at http://www.hormone.org/learn/pituitary_1.html through http://www.hormone.org.

Pituitary: Secretory Tumors. The Hormone Foundation [On-line information]. Available online at http://www.hormone.org/learn/pituitary_2.html through http://www.hormone.org.

Prolactin test. Hendrick Health System, AccessMed Health Information Library [On-line information]. Available online at http://www.hendrickhealth.org/healthy/00062060.html through http://www.hendrickhealth.org.

ARUP. Prolactin. ARUP's Guide to Clinical laboratory Testing [On-line information]. Available online at http://www.aruplab.com/guides/clt/tests/clt_150b.htm#1145504 through http://www.aruplab.com.

Merck. General. The Merck Manual of Diagnosis and Therapy, Section 2. Endocrine And Metabolic Disorders, Chapter 6. Hypothalamic-Pituitary Relationships [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/pubs/mmanual/section2/chapter6/6a.htm through http://www.merck.com.

Grunebaum, A. (2001 April 23). A Tiny Gland's Big Role in Pregnancy. WebMD Health Information [On-line information]. Available online at http://my.webmd.com/content/article/3607.442 through http://my.webmd.com.

The Impotence Sourcebook (1998). Laboratory Investigations of Erectile Dysfunction. WebMD Health Information [On-line information]. Available online at http://my.webmd.com/content/article/1680.50141 through http://my.webmd.com.

Spengler, R. (2001 February 22, Updated). Prolactin. WebMD Health Information [On-line information]. vailable online at http://my.webmd.com/printing/article/4118.253 through http://my.webmd.com.

Harrison's Principles of Internal Medicine, Kasper, et al, 16th Edition, McGraw Hill, 2005, Pg 2084.

Eckman, A. (Updated 2009 October 14). Prolactin. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003718.htm. Accessed April 2010.

Eckman, A. (Updated 2009 November 23). Prolactinoma. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000336.htm. Accessed April 2010.

(2009 May). Prolactinoma. National Endocrine and Metabolic Diseases Information Service [On-line information]. Available online at http://www.endocrine.niddk.nih.gov/pubs/prolact/prolact.htm through http://www.endocrine.niddk.nih.gov. Accessed April 2010.

Shenenberger, D. (Updated 2010 March 12). Hyperprolactinemia. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/121784-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed April 2010.

Mayo Clinic Staff (2010 March 6). Prolactinoma. MayoClinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/prolactinoma/DS00532 through http://www.mayoclinic.com. Accessed April 2010.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 767-768.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (© 2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry: AACC Press, Washington, DC. Pp 354-355.

Wu, A. (© 2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, 4th Edition: Saunders Elsevier, St. Louis, MO. Pp 900-901.

Fahie-Wilson, M (2003). In Hyperprolactinemia, Testing for Macroprolactin Is Essential, Clinical Chemistry. 2003;49:1434-1436. Available online at http://www.clinchem.org/cgi/content/full/49/9/1434 through http://www.clinchem.org. Accessed June 2010.

(May 2007) Fahie-Wilson M. Macroprolactin. Clinical Laboratory News Volume 33, Number 5. Available online at http://www.aacc.org/publications/cln/2007/may/Pages/series_0507.aspx through http://www.aacc.org. Accessed June 2010.

Suliman AM, Smith TP, Gibney J,McKenna T Joseph. Frequent Misdiagnosis and Mismanagement of Hyperprolactinemic Patients before the Introduction of Macroprolactin Screening: Application of a New Strict Laboratory Definition of Macroprolactinemia. Clin Chem 2003;49:1504-1509.