Noto anche come
Prealbumina
PA
TTR
Prealbumina legante la tiroxina
Nome ufficiale
Transtiretina
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 14.09.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Le motivazioni riguardanti l’utilizzo del test della transtiretina (TTR) sono in fase di aggiornamento. Storicamente la transtiretina (nota con il nome di Prealbumina per le sue caratteristiche elettroforetiche) veniva utilizzata come sostegno alla diagnosi di malnutrizione e nel monitoraggio dell’efficacia della terapia parenterale (ad esempio endovenosa). Le recenti evidenze suggeriscono che i motivi alla base della variazione della concentrazione di TTR siano molto più complessi e che il test non debba pertanto essere interpretato soltanto come indicatore dello stato nutrizionale.

Quando Fare il Test?

Non esiste un consenso sul momento nel quale debba essere eseguito il test, sebbene sia pratica comune richiedere l’esame della TTR nel caso in cui si voglia verificare la presenza di uno stato di malnutrizione insieme agli altri esami correlati.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L’Esame

La transtiretina (TTR), nota storicamente con il nome di prealbumina, è una delle proteine più abbondanti nel circolo ematico ed è prodotta principalmente al livello epatico. La sua funzione consiste nel trasporto della tiroxina (l’ormone tiroideo principale) e della vitamina A. Questo test misura i livelli di TTR nel sangue.

Sebbene sia usato comunemente come marcatore di malnutrizione, il suo ruolo nell’organismo, in modo particolare le motivazioni alla base delle variazioni osservate in presenza di stati malessere e la sua possibile utilità clinica, è ancora in fase di studio.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Fino a tempi recenti la transtiretina (TTR), nota con il nome di prealbumina per le sue caratteristiche elettroforetiche, è stata utilizzata come sostegno alla diagnosi di malnutrizione e nel monitoraggio dello stato nutrizionale di pazienti sottoposti a terapia parenterale (nutrimento somministrato tramite soluzioni iniettate per via endovenosa), dialisi, o come parte delle terapie per l’insufficienza renale.

    Alcuni clinici continuano ad utilizzare il test della TTR per questo scopo nonostante questo utilizzo sia oggetto di dibattito per le variazioni delle concentrazioni di questa proteina in corso di patologie infiammatorie, infettive o in caso di trauma. Alcuni professionisti del settore quindi hanno suggerito la sospensione dell’utilizzo della TTR come marcatore dello stato nutrizionale. Tuttavia, alcuni clinici ritengono che il suo utilizzo possa trovare applicazione nella valutazione dello stato nutrizionale di pazienti ospedalizzati gravemente malati e/o a rischio di scarso recupero per i quali un supporto nutrizionale potrebbe migliorare la prognosi.

  • Quando viene prescritto?

    Con le limitazioni sopra riportate, il test della TTR può essere richiesto nel caso in cui il paziente presenti segni e sintomi di malnutrizione o quando vi sia il sospetto che un paziente possa essere a rischio, come durante una patologia cronica, durante il ricovero ospedaliero o in caso di

    nutrizione parenterale o di emodialisi. Può essere inoltre richiesto come sostegno alla determinazione dell'entità dello stato di malessere di un paziente.

  • Cosa significa il risultato del test?

    I livelli di riferimento della TTR variano sulla base dell’età e del sesso. Bassi livelli di TTR possono essere presenti in:

    La scelta dell’uso appropriato del test della TTR e l’interpretazione dei suoi risultati è ancora oggetto di dibattito ed è in corso di studio il ruolo di questa proteina ed il significato delle variazioni nella sua concentrazione. Secondo alcuni un valore singolo di TTR può avere un significato inferiore rispetto ad una serie di misurazioni effettuate in giorni diversi insieme ad altri test di laboratorio utili per la valutazione clinica complessiva. Per esempio, la misura dei marcatori di infiammazione coma la PCR può essere di aiuto nell’interpretazione dei risultati della TTR.

    In alcune patologie è possibile osservare un aumento della TTR, ma questo test non viene utilizzato nella loro diagnosi e monitoraggio.

  • C’è altro da sapere?

    Alcuni farmaci come l’amiodarone, gli estrogeni e i contraccettivi orali, possono diminuire i livelli di TTR. Questi possono invece essere aumentati in seguito all’assunzione di steroidi anabolizzanti, androgeni, prednisolone, e farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

    I livelli di TTR possono aumentare in corso di malattia di Hodgkin, insufficienza renale, iposideremia, gravidanza e ipersurrenalismo.

Accordion Title
Domande Frequenti
Fonti
Fonti utilizzate nella revisione corrente

Shashidhar, H. and Grigsby, D. (2017 June 23, Updated). Malnutrition. Medscape Pediatrics: General Medicine. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/985140-overview.Accessed on 6/25/17.

Delgado, J. (2016 September, Updated). Proteins.ARUP Consult.Available online at https://arupconsult.com/content/proteins.Accessed on 6/25/17.

(© 1995–2017). Prealbumin (PAB), Serum.Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories.Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Clinical+and+Interpretive/9005.Accessed on 6/25/17.

Bharadwaj, S et. al. (2016 May 11). Malnutrition: laboratory markers vs nutritional assessment. Gastroenterol Rep (Oxf). 2016 Nov; 4(4): 272–280. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5193064/.Accessed on 6/25/17.

Dawodu, S. et. al. (2015 August 13 Updated). Nutritional Management in the Rehabilitation Setting.Medscape Physical Medicine and Rehabilitation.Available online at http://emedicine.medscape.com/article/318180-overview#showall.Accessed on 6/25/17.

Wang, W. et. al. (2017 February 1). Serum prealbumin and its changes over time are associated with mortality in acute kidney injury. Sci Rep. 2017; 7: 41493. Available online at https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5286447/.Accessed on 6/25/17.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

The National Kidney Foundation: Kidney Disease Outcomes Quality Initiative. Available online at http://www.kidney.org/professionals/doqi/guidelines/nut_a04.html.

Holland DC, Meers C, Lawlor ME, Lam M. Serial prealbumin levels as predictors of outcomes in a retrospective cohort of peritoneal and hemodialysis patients. Journal of Renal Nutrition, July 2001, 11(3).

National Kidney Foundation Work Group, Committee: National Kidney Foundation-Kidney Disease Outcomes Quality Initiative. Clinical practice guidelines for nutrition in chronic renal failure.American Journal of Kidney Disease, June 2000, 35(6 Suppl 2): S1-140.

Clinical Guide to Laboratory Tests.3rd ed. Tietz N, ed. Philadelphia: W.B. Saunders & Co; 1995: 608- 609.

FreyRJ.Anorexia nervosa. Gale Encyclopedia of Medicine. Gale Research, 1999.

Larry A. Broussard, PhD. Clinical Laboratory Sciences, LSU Health Sciences Center, New Orleans, LA.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 755-756.

Clarke, W. and Dufour, D. R., Editors (© 2006). Contemporary Practice in Clinical Chemistry: AACC Press, Washington, DC. Pp 197.

Banh, L. (2006 October). Serum Proteins as Markers of Nutrition: What Are We Treating? Practical Gastroenterology [On-line information].PDF available for download at http://www.healthsystem.virginia.edu/internet/digestive-health/nutritionarticles/BanhArticle.pdf.Accessed June 2009.

Huckleberry, Y. (2004 May 03). Nutritional Support and the Surgical Patient.Medscape Today from American Journal of Health-System Pharmacy [On-line information].Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/474066.Accessed June 2009.

Beck, F. and Rosenthal, T. (2002 April 15). Prealbumin: A Marker for Nutritional Evaluation. American Family Physician [On-line information]. Available online at http://www.aafp.org/afp/20020415/1575.html.Accessed June 2009.

Cassels, C. (2005 December 20). Hemodialysis, Prealbumin an independent predictor of mortality/morbidity. Medscape Medical News [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/538923.Accessed June 2009.

Johnson, A. (2007). Clinical indications for plasma protein assays: transthyretin (prealbumin) in inflammation and malnutrition. Clinical Chemistry and Laboratory Medicine.PDF available for download at http://www.ifcc.org/media/148186/CPP%20ClinChemLabMed%20200745419426.pdf.Accessed May 2013.

Parrish, C.R. (2006). Serum Proteins as Markers of Nutrition: What are we treating? Nutrition Issues in Gastroenterology. PDF available for download through http://www.medicine.virginia.edu. AccessedMay 2013.

Shenkin A. Serum Prealbumin: Is It a Marker of Nutritional Status or of Risk of Malnutrition? ClinChemDec 2006 vol. 52 no. 12 2177-2179. Available online at http://www.clinchem.org/content/52/12/2177.full.Accessed March 2013.

Beck F. Prealbumin: A Marker for Nutritional Evaluation. Am Fam Physician. 2002 Apr 15;65(8):1575- 1579. Available online at http://www.aafp.org/afp/2002/0415/p1575.html.Accessed May 2013.

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007, Pp 235-236.

Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics.Burtis CA, Ashwood ER, Bruns DE, eds. 4th edition, St. Louis: Elsevier Saunders; 2006, Pg 563.

Pagana and Pagana. Mosby's Manual of Diagnostic and Laboratory Tests. Fourth edition. Pp. 424-427.

Consensus Statement of the Academy of Nutrition and Dietetics/American Society for Parenteral and Enteral Nutrition: Characteristics Recommended for the Identification and Documentation of Adult Malnutrition (Undernutrition). Jane V. White, PhD, RD, FADA; PeggiGuenter, PhD, RN; Gordon Jensen, MD, PhD, FASPEN; Ainsley Malone, MS, RD, CNSC; Marsha Schofield, MS, RD; the Academy Malnutrition Work Group; the A.S.P.E.N. Malnutrition Task Force; and the A.S.P.E.N. Board of

Directors.J AcadNutr Diet. 2012;112:730-738.