Noto anche come
Screening di chimica clinica completo
CMP
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 02.08.2019.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per fornire al clinico informazioni riguardanti lo stato di salute generale del paziente, con particolare riferimento al metabolismo, allo stato dei reni, del fegato ed all’equilibrio elettrolitico ed acido/base nonché alla concentrazione di glucosio (glicemia) e delle proteine plasmatiche. Per monitorare patologie come l’ipertensione o monitorare l’utilizzo di farmaci che potrebbero determinare la comparsa di effetti collaterali a carico del fegato o dei reni.

Quando Fare il Test?

Come parte dei test di controllo routinari; durante il monitoraggio per una patologia specifica o nel caso in cui vengano assunti farmaci che potrebbero influenzare la funzionalità epatica o renale.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

Potrebbe essere richiesto il digiuno di 10-12 ore prima del prelievo; è necessario seguire tutte le istruzioni fornite dal personale sanitario.

L'Esame

Il Pannello Metabolico Completo (CMP) è un insieme di 14 esami in grado di fornire al clinico importanti informazioni riguardo al metabolismo, la funzionalità renale ed epatica, i livelli della glicemia e delle proteine plasmatiche nonché il bilancio elettrolitico ed acido/base del paziente. Il riscontro di uno o più risultati alterati può essere indicativo della presenza di una patologia e pertanto necessiterà di ulteriori approfondimenti diagnostici.

Il CMP include i seguenti esami:

  • Glucosio (glicemia) – costituisce la fonte di energia principale dell’organismo, pertanto nel sangue deve essere presente un livello piuttosto costante di glucosio pronto all’uso
  • Calcio – è uno dei minerali più importanti dell’organismo; è essenziale per il corretto funzionamento muscolare, nervoso e cardiaco oltre ad essere richiesto per la coagulazione sanguigna e per la formazione delle ossa.
     

Proteine

  • Albumina – una proteina prodotta dal fegato; costituisce la proteina maggiormente rappresentata nel plasma; una diminuzione della sua concentrazione può essere causata da malnutrizione o da patologie epatiche o renali, il risultato va interpretato nell’ambito del pannello
  • Proteine totali – misura l’albumina e tutte le altre proteine del plasma
     

Elettroliti

  • Sodio – vitale per i normali processi dell’organismo, inclusa la funzionalità nervosa e muscolare
  • Potassio – vitale per il metabolismo cellulare e la funzionalità muscolare
  • CO2 – aiuta a mantenere il corretto equilibrio acido-base (pH)
  • Cloro – utile nella regolazione della quantità di fluidi dell’organismo e nel mantenimento dell’equilibrio acido-base
     

Esami per la valutazione della funzionalità renale

  • Urea –  prodotto di scarto eliminato dal sangue tramite la filtrazione renale; le patologie riguardanti i reni possono influenzare i livelli di urea nel circolo sanguigno
  • Creatinina – prodotto di scarto dei muscoli; viene eliminata al livello renale pertanto i suoi livelli ematici forniscono una buona stima della funzionalità renale
     

Esami per la vautazione della funzionalità epatica

  • ALP (fosfatasi alcalina) – è un enzima presente nel fegato ed in altri tessuti come le ossa; livelli elevati di ALP nel circolo ematico sono indicativi della presenza di patologie epatiche o a carico delle ossa
  • ALT (alanina aminotransferasi; nota anche come GPT) – enzima presente perlopiù nelle cellule epatiche e renali; è un test utile per la rilevazione del danno epatico
  • AST (aspartato aminotransferasi; nota anche come GOT) – enzima presente perlopiù al livello epatico e delle cellule cardiache; è un test utile per la rilevazione del danno epatico
  • Bilirubina – prodotto di scarto prodotto dal fegato derivante dai globuli rossi vecchi e riciclati

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il Pannello Metabolico completo (CMP) rappresenta un insieme di esami in grado di fornire al clinico informazioni riguardanti la funzionalità d’organo del paziente, con particolare riferimento alla ricerca ed al monitoraggio di patologie come il diabete, le malattie epatiche e renali. Inoltre il CMP può essere richiesto nel monitoraggio dell’ipertensione o di persone che assumono cronicamente farmaci potenzialmente in grado d'influenzare la funzionalità epatica e renale.

  • Quando viene prescritto?

    Gli esami contenuti all'interno del Pannello Metabolico Completo (CMP) vengono spesso richiesti nell’ambito dei normali controlli di routine. Sebbene questo pannello di esami sia piuttosto sensibile, non è in grado di rispondere a quesiti diagnostici specifici. Pertanto la rilevazione di risultati anomali necessita comunque dell’esecuzione di esami di approfondimento per confermare od escludere una sospetta diagnosi.

  • Cosa significa il risultato del test?

    I risultati degli esami inclusi nel Pannello Metabolico Completo (CMP) devono essere valutati complessivamente e in accordo con le evidenze cliniche. Un singolo risultato anomalo può avere infatti un significato diverso rispetto ad un pannello di esami nel quale alcuni risultati sono alterati. Ad esempio, la presenza di un risultato elevato solo in uno dei test epatici può avere un significato clinico diverso rispetto all’alterazione di tutti i parametri epatici.

    Per ciascun esame incluso nel pannello, possono essere molteplici le cause della presenza di risultati anomali, tra i quali l’insufficienza renale, i problemi respiratori e le complicanze del diabete. In genere la presenza di uno o più risultati anomali indirizza il clinico verso l’esecuzione di ulteriori esami di approfondimento che possono essere utili per la definizione di una diagnosi.

    Per maggiori dettagli riguardo i singoli test, si rimanda alle pagine nei quali questi vengono trattati:

    Proteine

    Elettroliti

    Esami per la valutazione della funzionalità renale

    Esami per la valutazione della funzionalità epatica

  • C’è altro da sapere?

    Esistono molti farmaci in grado di alterare gli esami inclusi nel CMP. Pertanto è necessario informare il clinico riguardo qualunque farmaco o parafarmaco venga assunto. Allo stesso modo, è di primaria importanza fornire tutte le informazioni cliniche, poiché potrebbero interferire con i risultati dei test.

Accordion Title
Domande Frequenti
  • Che differenza c’è tra il Pannello Metabolico di Base ed il Pannello Metabolico Completo?

    Il Pannello Metabolico di Base (BMP) comprende 8 test mentre il Pannello Metabolico Completo (CMP) ne comprende invece 14, tra i quali gli 8 del BMP. Il BMP non contiene l’albumina, le proteine totali ed i 4 test riguardanti la funzionalità epatica (ALP, AST, ALT e bilirubina). Il clinico può richiedere il CMP piuttosto che il BMP nel caso in cui voglia avere un quadro più completo della situazione clinica del paziente o nel caso in cui voglia avere maggiori dettagli riguardo alcune patologie come il diabete o le malattie epatiche o renali.

  • Uno dei risultati dei test contenuti nel pannello è anomalo, cosa significa?

    I risultati del Pannello Metabolico Completo (CMP) devono essere valutati dal clinico insieme anche alle altre informazioni cliniche e anamnestiche del paziente. Un singolo risultato leggermente alto o basso potrebbe non avere un significato clinico. Infatti l’alterazione di un risultato può essere dovuta a molteplici fattori quali:

    • La variabilità biologica (differenti risultati nella stessa persona in tempi diversi): l’esecuzione ripetuta dello stesso test sullo stesso paziente in tempi diversi può fornire almeno un risultato fuori dall’intervallo di riferimento senza che questo abbia un significato clinico. Per ragioni biologiche, il risultato può variare in giorni differenti nonostante il paziente sia sano.
    • Variabilità interindividuale (differenti risultati in persone differenti): gli intervalli di riferimento vengono di solito stabiliti sulla base dei risultati ottenuti da un campione esteso di popolazione. I risultati ottenuti da questo campione di popolazione descrivono una curva di frequenza caratterizzata da un valore medio della popolazione (media) e dalla variabilità del risultato all’interno della popolazione (deviazione standard). Esistono persone sane ma che mostrano risultati dei test al di fuori degli intervalli di riferimento che però per loro sono normali.
       

    Quindi, la presenza di un singolo risultato alterato su un pannello di esami potrebbe non avere alcun significato clinico. Di solito in presenza di un’alterazione lieve, il test viene ripetuto e, se presenti, viene anche confrontato con i valori passati relativi allo stesso test sulla stessa persona (storico del paziente).

    Tuttavia, un risultato fuori dagli intervalli di riferimento potrebbe anche essere indicativo di un problema e pertanto spesso richiede ulteriori approfondimenti. Il clinico deve valutare i risultati dei test nel contesto clinico, sulla base della storia clinica  passata, dell’esame fisico e della presenza di altri eventuali fattori che potrebbero essere responsabili dell’alterazione degli esami.

approved

Ultima Revisione: 02/08/2019

Revisore: Dr. Ferruccio Ceriotti; Laboratorio Analisi, Fondazione IRCCS Ca’ Granda, Ospedale Maggiore Policlinico, Milano

Fonti

 

Fonti utilizzate nella revisione corrente

MedlinePlus Medical Encyclopedia. Comprehensive metabolic panel. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003468.htm. Accessed November 2015.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007, P. 147.

Quest Diagnostics. Chemistry Screen, Patient Health Library. Available online at http://www.questdiagnostics.com/kbase/topic/medtest/tu6207/descrip.htm. Accessed February 2009.

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.