Noto anche come
Leptina
Nome ufficiale
Leptina
Ultima Revisione:
Ultima Modifica:
22.05.2018.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per verificare la presenza di un deficit di leptina, responsabile dell’obesità; per identificare gli aumenti di leptina; in ambito di ricerca per chiarire il ruolo della leptina e della sua correlazione con l’obesità.

Quando Fare il Test?

In bambini con grave obesità probabilmente dovuta ad un deficit ereditario di leptina; talvolta come supporto alla ricerca delle cause di obesità; all’interno di protocolli di ricerca.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Un campione di sangue venoso prelevato dal braccio.

Il Test Richiede una Preparazione?

No, nessuna.

L’Esame

La leptina è un’adipochina, un ormone prodotto dalle cellule del tessuto adiposo (adipociti) e, in misura minore, da altri tessuti come la placenta nelle donne in gravidanza. Questo test misura la quantità di leptina nel sangue.

La leptina è un’ormone implicato nella regolazione dell’appetito, tramite la segnalazione ai recettori presenti nell’ipotalamo del senso di sazietà. In seguito al consumo di quantità sufficienti di cibo, la leptina fornisce il senso di sazietà necessario all’interruzione dell’assunzione di cibo. In condizioni normali, livelli bassi di leptina inducono il senso di fame e quindi l’assunzione di cibo. Non appena la leptina prodotta dalle cellule adipose aumenta, il senso di fame diminuisce e anche lo stimolo all’assunzione di cibo.

Quantità insufficienti di leptina possono determinare la persistenza del senso di fame, come meccanismo di difesa dell’organismo contro il digiuno. Il deficit congenito di leptina è una forma di obesità ereditaria che determina il continuo stimolo a mangiare e la conseguente obesità già in età infantile. La terapia sostitutiva della leptina sembra essere efficace in questi pazienti.

Spesso l’obesità è associata a livelli elevati di leptina, con meccanismi di resistenza analoghi a quelli dell’insulino-resistenza. Questi pazienti possono presentare quindi livelli elevati di leptina senza però percepire il senso di sazietà; l’assunzione di ulteriore cibo non fa che aumentare ulteriormente i livelli di leptina. Tuttavia, nel 10% dei casi, l’obesità è invece associata a carenza di leptina.

La correlazione tra la leptina e l’obesità è di grande interesse. L’obesità infatti è una condizione altamente rischiosa per la salute del paziente, poiché è spesso associata a ipertensione, dislipidemia (colesterolo e/o trigliceridi alti), diabete di tipo 2, problemi articolari, apnea notturna, malattia cardiaca coronaria, infarto e alcuni tipi di cancro. Secondo il rapporto Osservasalute 2013, in Italia, nel 2012, più di un terzo della popolazione adulta (35,6%) è risultata essere in sovrappeso, mentre una persona su dieci obesa (10,4%).

Studi recenti hanno evidenziato una migliore correlazione tra obesità e quantità di leptina rispetto al BMI (Body Mass Index) comunemente utilizzato nella definizione della massa grassa presente. Sembra che la quantità di leptina nel sangue sia un indice di massa grassa più accurato, in particolare in situazioni nelle quali il BMI può essere mal interpretato (ad esempio in persone con una buona massa muscolare o con un’alta densità ossea).

Le attuali ricerche sono concentrate nell’approfondimento del ruolo fisiologico della leptina e nella sua connessione con l’obesità o con la perdita di peso efficace. Desta anche molto interesse l’analisi della reale efficacia dei trattamenti sostitutivi con leptina, in persone obese con deficit di leptina.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Tramite un prelievo di sangue venoso dal braccio.

  • Esiste una preparazione al test che possa assicurare la buona qualità del campione?

    No, nessuna.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Il test della leptina non è un esame eseguito in maniera routinaria poiché la sua reale efficacia clinica non è ancora stata chiarita. Viene eseguito perlopiù all’interno di protocolli di ricerca.
    In ambito clinico, viene richiesto in pazienti pediatrici obesi, in special modo in quelli con storia familiare positiva per obesità precoce. Talvolta può essere richiesto in pazienti obesi con sintomi di fame frequente e persistente, per verificare la presenza di un deficit o un eccesso di leptina.
    Talvolta può essere associato ad altri esami, come il profilo lipidico, il pannello tiroideo, il glucosio, l’insulina e l’emoglobina glicata, per verificare lo stato generale di salute di una persona obesa e per ricercare eventuali comorbidità che potrebbero complicare o contribuire allo stato di obesità.

  • Quando viene prescritto?

    La misura della leptina viene perlopiù richiesta all’interno di protocolli di ricerca clinica volti alla definizione del ruolo della leptina.
    Talvolta viene richiesta in caso di obesità pediatrica, in modo speciale in presenza di una storia familiare positiva per l’obesità ad esordio precoce.
    Alcuni clinici possono richiedere il test della leptina per verificare la presenza di un eventuale deficit o eccesso (resistenza alla leptina) di leptina.

  • Cosa significa il risultato del test?

    Nelle persone obese, livelli bassi di leptina sono indicativi per una carenza di leptina, mentre concentrazioni elevate sono associate a resistenza alla leptina. La maggior parte delle persone obese presentano livelli aumentati di leptina, mentre nel 10% dei casi si tratta di una carenza.
    Molto raramente, livelli veramente scarsi di leptina sono associati ad una patologia ereditaria associata a grave obesità.
    La secrezione di leptina segue un ritmo circadiano, ossia le sua concentrazioni variano molto nelle 24h, con livelli superiori nelle ore notturne.

  • C’è altro da sapere?

    Le donne in genere hanno livelli di leptina più elevati rispetto agli uomini. Le concentrazioni di leptina aumentano anche durante la gravidanza e possono essere significativamente elevati in donne con diabete gestazionale o pre-eclampsia. Questo test non viene tuttavia utilizzato nel monitoraggio di queste patologie.
    L’utilità clinica della misura della leptina, in particolare per la valutazione di una carenza o un eccesso di questo ormone, deve essere tutt’ora chiarita. Per esempio, in persone con una grave carenza di leptina ereditaria, la terapia sostitutiva con leptina può essere utile ma ancora non è chiaro se anche le persone con carenza moderata possano trovare beneficio da questo tipo di trattamento.

    Altri studi in corso per l’associazione con la leptina riguardano:

    • Aterosclerosi e il ruolo protettivo o proinfiammatorio della leptina
    • Pre-eclampsia e diabete gestazionale
    • Fertilità
    • Associazione tra leptina e depressione, stress, stati di ansia
    • Ruolo della leptina nel mantenimento dei livelli di glucosio e sue interazioni con l’insulina
    • Associazione tra leptina, perdita di peso e senso di fame
Accordion Title
Domande Frequenti
  • Tutte le persone in soprappeso dovrebbero richiedere il test della leptina?

    No, questo test non è indicato per tutte le persone, ma solo per le persone obese con fame persistente o bambini gravemente obesi.

  • Cos’è l’indice di massa corporea o Body Mass index?

    L’indice di massa corporea è un indice che correla molto bene con la massa grassa di una persona.
    Nei bambini/adolescenti, tiene conto dell’età, del sesso, del peso e dell’altezza, e viene confrontato con dei grafici standardizzati suddivisi in percentili. Un giovane in sovrappeso presenta un BMI compreso tra l’85esimo e il 95esimo percentile, mentre un bambino/ragazzo obeso ha un BMI superiore al 95esimo percentile.
    Negli adulti, il BMI viene calcolato come il rapporto tra il peso corporeo (espresso in Kg) e l’altezza (in metri) elevata al quadrato. Il risultato viene poi interpretato secondo la tabella seguente:

    SOTTOPESO

    6-18.5

    NORMOPESO

    18.5-25

    SOVRAPPESO

    25-30

    OBESITA' DI MEDIO GRADO

    30-40

    OBESITA' DI ALTO GRADO

    > 40

  • Il test della leptina può essere effettuato ambulatorialmente?

    No, il test della leptina viene eseguito in laboratori di riferimento.

  • E’ possibile fare qualcosa per aumentare o diminuire i propri livelli di leptina?

    I livelli di leptina generalmente diminuiscono quando una persona obesa perde peso e aumentano in persone che diventano obese, ma non sono influenzati da altre variazioni negli stili di vita.

  • Come viene trattata la carenza da leptina?

    Nei pazienti affetti dalla carenza ereditaria di leptina la terapia sostitutiva di leptina ha mostrato essere efficace. Tuttavia non vi sono dati sufficienti per supportare l’utilizzo di questa terapia in tutti i pazienti con deficit di leptina.

  • Esistono altre adipochine oltre la leptina?

    Sebbene la leptina sia stata la prima adipochina identificata, ne esistono anche altre. Le due più note sono la resistina, che aumenta l’insulino resistenza, e l’adiponectina, che la diminuisce. Nelle persone obese, la resistina è aumentata mentre l’adiponectina è diminuita. Queste due adipochine hanno anche effetti opposti in corso di infiammazione: la resistina aumenta lo stato infiammatorio mentre l’adiponectina lo diminuisce. Un’altra adipochina scoperta recentemente è la visfatina, elevata nel diabete di tipo 2 e che sembra avere un ruolo nell’aumento dei livelli di insulina. Altre adipochine, ad apparente azione antinfiammatoria, sono l’apelina, la chemerina e l’omentina.

Fonti

Fonti utilizzate

Hamdy, O. (Updated 2013 January 24). Obesity. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/123702-overview#showall through http://emedicine.medscape.com. Accessed February 2013.

(© 1995-2013). Leptin. Mayo Clinic Mayo Medical Laboratories [On-line information]. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/91339 through http://www.mayomedicallaboratories.com. Accessed February 2013.

Miehle, K. et. al. (2012). Leptin, Adiponectin and Other Adipokines in Gestational Diabetes Mellitus and Pre-eclampsia. Medscape from Clin Endocrinol. 2012;76(1):2-11 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/755467 through http://www.medscape.com. Accessed February 2013.

Lawson, E. (2012). Leptin Levels are Associated With Decreased Depressive Symptoms in Women Across the Weight Spectrum, Independent of Body Fat. Medscape from Clin Endocrinol. 2012;76(4):520-525 [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/760937 through http://www.medscape.com. Accessed February 2013.

Schwarz, S. and Windle, M. (Updated 2012 December 12). Obesity in Children. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/985333-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed February 2013.

Chawla, J. and Youngsook P. (Updated 2012 October 3). Endocrine System Anatomy. Medscape Reference [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/1948709-overview#showall throughhttp://emedicine.medscape.com. Accessed February 2013.

Ahima, R. (2008 July 1). Revisiting leptin's role in obesity and weight loss. J Clin Invest. V 118 (7):2380–2383. [On-line information]. Available online at http://www.jci.org/articles/view/36284 through http://www.jci.org. Accessed February 2013.

Koh, K. et. al. (2008). Contemporary Reviews in Cardiovascular Medicine, Leptin and Cardiovascular Disease, Response to Therapeutic Interventions [On-line information]. Circulation v 117: 3238-3249. [On-line information]. Available online at http://circ.ahajournals.org/content/117/25/3238.full through http://circ.ahajournals.org. Accessed February 2013.

Ahmet Ursavas, A. et. al. (2010 July – September). Ghrelin, leptin, adiponectin, and resistin levels in sleep apnea syndrome: Role of obesity. Ann Thorac Med. 2010 Jul-Sep; 5(3): 161–165 [On-line information]. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2930655/ through http://www.ncbi.nlm.nih.gov. Accessed February 2013.

Scheer, F. (2009 March 17). Adverse metabolic and cardiovascular consequences of circadian misalignment. PNAS v 106 (11) 4453-4458 [On-line information]. Available online at http://www.pnas.org/content/106/11/4453.long through http://www.pnas.org. Accessed February 2013.

Carlson, J. et. al. (2009 August 11). Pre- and post- prandial appetite hormone levels in normal weight and severely obese women. Nutrition & Metabolism v 6 (32) [On-line information]. Available online at http://www.nutritionandmetabolism.com/content/6/1/32 through http://www.nutritionandmetabolism.com. Accessed February 2013.

Farooqi, S. and O'Rahilly, S. (2006 December 1). Genetics of Obesity in Humans. Endocrine Reviews v 27 (7) 710-718. [On-line information]. Available online at http://edrv.endojournals.org/content/27/7/710.full through http://edrv.endojournals.org. Accessed February 2013.

Franks, P. et. al. (2007 May). Physical activity energy expenditure may mediate the relationship between plasma leptin levels and worsening insulin resistance independently of adiposity. Journal of Applied Physiology c 102 (5) 1921-1926. [On-line information]. Available online at http://jap.physiology.org/content/102/5/1921.full through http://jap.physiology.org. Accessed February 2013.

Stella L. Volpe, S. et. al. (2008 April). Effect of Diet and Exercise on Body Composition, Energy Intake and Leptin Levels in Overweight Women and Men. J Am Coll Nutr v 27 (2) 195-208 [On-line information]. Available online at http://www.jacn.org/content/27/2/195.full through http://www.jacn.org. Accessed February 2013.

Chiesa, C. et. al. (2008) Ghrelin, Leptin, IGF-1, IGFBP-3, and Insulin Concentrations at Birth: Is There a Relationship with Fetal Growth and Neonatal Anthropometry? Clinical Chemistry v 54 (3) 550–558 [On-line information]. Available online at http://www.clinchem.org/content/54/3/550.full through http://www.clinchem.org. Accessed February 2013.

Henson, M. and Castracane, V. (2006 February 1). Leptin in Pregnancy: An Update. Biology of Reproduction v 74 (2) 218-229 [On-line information]. Available online at http://www.biolreprod.org/content/74/2/218.full through http://www.biolreprod.org. Accessed February 2013.

S17 Choquet, H. and Meyre, D. (2011 May) Genetics of Obesity: What have we Learned? Curr Genomics v 12(3): 169–179. [On-line information]. Available online at http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3137002/ throughhttp://www.ncbi.nlm.nih.gov. Accessed February 2013.

Considine, R, et al. Serum Immunoreactive-Leptin Concentrations in Normal-Weight and Obese Humans. N Engl J Med 1996; 334:292-295. Available online at http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJM199602013340503#t=articleTop throughhttp://www.nejm.org. Accessed February 2013.

Nirav R. Shah, Eric R. Braverman. Measuring Adiposity in Patients: The Utility of Body Mass Index (BMI), Percent Body Fat, and Leptin. PLoS One. Published April 2, 2012. Available online at http://www.plosone.org/article/info%3Adoi%2F10.1371%2Fjournal.pone.0033308 through http://www.plosone.org. Accessed February 2013.