Noto anche come
Test micologico molecolare
Esame micologico colturale
Esame micologico microscopico
Nome ufficiale
Test micologico colturale
Esame sierologico per la ricerca di antigeni di miceti e anticorpi anti miceti
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 07.12.2019.
In Sintesi
Perché Fare il Test?

Per rilevare un’infezione da funghi o miceti, per determinare quale o quali specie di funghi o miceti è responsabile dell’infezione e come supporto alle scelte terapeutiche.

Quando Fare il Test?

Nel caso in cui il clinico sospetti la presenza di un’infezione micotica (micosi) della pelle o degli annessi cutanei (dermatologica), delle mucose, dei polmoni o sistemica; talvolta dopo il trattamento per verificarne l’efficacia.

Che Tipo di Campione Viene Richiesto?

Il campione utilizzato dipende dalla sede della sospetta infezione. Alcuni esempi includono: campioni ottenuti dal raschiamento della pelle, campioni di unghie o capelli, tampone vaginale, fluidi biologici (urine), sangue e/o campioni bioptici di tessuti.

Il Test Richiede una Preparazione?

Evitare l’utilizzo di creme antimicotiche nella settimana precedente al prelievo se questo viene effettuato direttamente sulla lesione. In generale è raccomandata la sospensione della terapia antimicotica (locale e non) nella settimana precedente all’esecuzione dell’esame colturale.

L'Esame

I funghi (o miceti) sono dei microrganismi che possono infettare soggetti sani (patogeni obbligati) oppure soggetti con fattori di rischio (patogeni opportunisti). Possono esistere in natura sotto forma di lieviti (organismi monocellulari) o come muffe (organismi pluricellulari) caratterizzate dalla presenza di ramificazioni filamentose. Essi fanno parte per lo più della flora microbica residente nell’uomo, nell’animale e nel terreno.

I test micologici rilevano le infezioni e talvolta identificano i funghi responsabili al fine di guidarne il trattamento terapeutico.

Le infezioni micotiche possono essere superficiali (come quelle della pelle) o, più gravemente, possono interessare gli organi interni (frequentemente i polmoni, ma anche il cuore, le articolazioni, ecc), oppure essere sistemiche (disseminate).

Le infezioni micotiche superficiali sono molto comuni. Esse comprendono le dermatofitosi, infezioni della pelle o delle unghie che possono generare zone pruriginose, rosse e squamose, come quelle note comunemente come piede dell’atleta (o tigna). Solo raramente sono in grado di diffondere negli organi interni, soprattutto in condizioni immunologiche particolari, e causare infezioni profonde. Anche la candida, che è un fungo opportunista, può causare infezioni superficiali, ad esempio in bocca, con la comparsa di piccole chiazze bianche disseminate soprattutto sulla lingua,  a volte anche su palato, gengive e guance (mughetto) o nella vagina, dove è causa di secrezioni vaginali biancastre. Si stima che circa il 70% delle donne ha abbia sofferto nella vita di almeno un episodio di candidosi vaginale.

Le infezioni polmonari micotiche originano tipicamente dall’inalazione accidentale di spore. I pazienti immunocompromessi, come quelli affetti da HIV/AIDS o che hanno ricevuto un trapianto d’organo, i pazienti in rianimazione e i pazienti con comorbidità importanti come il diabete o altre malattie polmonari, hanno un rischio aumentato di sviluppare gravi infezioni micotiche sistemiche e/o ricorrenti.

I test micologici sono utilizzati spesso per rilevare ed identificare i funghi al fine di effettuare una diagnosi e guidare il clinico nelle scelte terapeutiche. L’esame microscopico, o esame micologico diretto, è sicuramente il test più rapido e meno costoso da eseguire in caso di sospetta dermatofitosi, sebbene esso sia dotato di una sensibilità operatore dipendente e permetta solo una diagnosi presuntiva di dermatofitosi che deve sempre essere confermata dai successivi risultati degli esami colturali, anche per poter escludere false negatività. L’esame consiste nell’osservazione diretta al microscopio del materiale clinico con sospetta infezione (squame, capelli, peli, unghie opportunamente prelevati dal personale sanitario addetto), previo trattamento del materiale con miscele chiarificanti. Un ulteriore test diretto consiste nell’utilizzo di sostanze chiarificanti con l’aggiunta di fluorocromi (ad esempio il calcofluor – white) che però necessita di osservazione al microscopio in fluorescenza.

Tuttavia, in caso di infezioni persistenti, profonde o sistemiche, si rende necessaria una diagnosi più accurata. In questi casi, quindi, l’esame microscopico può essere seguito da ulteriori indagini di laboratorio come l’esame colturale (che rappresenta ancora il “gold standard” diagnostico), il test di sensibilità (cosiddetto “antimicogramma” da utilizzare solo nel caso d'infezioni invasive), i test sierologici per la ricerca di antigeni o anticorpi specifici e i test molecolari per la rilevazione del materiale genetico.

Gli intervalli di riferimento dipendono da molteplici fattori, quali l’età e il sesso del paziente, la popolazione di riferimento e il metodo utilizzato per l’esecuzione dell’esame. Il risultato numerico di un test può pertanto avere significati diversi in laboratori differenti.

Per queste ragioni, nel presente sito web non vengono riportati gli intervalli di riferimento. Per la valutazione dei risultati dei test, Lab Tests Online raccomanda di riferirsi ai valori di riferimento forniti dal laboratorio nel quale questi sono stati eseguiti. Gli intervalli di riferimento di ciascun test sono riportati sul referto di laboratorio, accanto al nome ed al risultato dello stesso. Per alcuni esempi clicca qui.

Per maggiori informazioni si rimanda agli articoli: Gli Intervalli di Riferimento ed il loro Significato e Comprendere il Referto di Laboratorio.

Se il sottoporsi alle analisi mediche provoca stati d'ansia o di disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli:

Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un altro articolo, Il prelievo ematico: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Accordion Title
Come e Perché
  • Come viene raccolto il campione per il test?

    Il tipo di campione e il metodo di raccolta del campione dipendono e dalla sede interessata dall’infezione. Nel caso d'infezioni superficiali, il campione può essere raccolto tramite raschiamento della pelle, taglio di unghie o capelli, raccolta di secrezioni vaginali tramite l’utilizzo di un tampone o raccolta dell'urina. Per le infezioni profonde, d’organo o sistemiche, il campione può essere rappresentato da un campione d'urina, un prelievo di sangue, un campione di espettorato e/o un campione bioptico. Il sospetto di meningite prevede invece l’esecuzione delle analisi (colturali, antigene o anticorpi) su un campione di liquido cefalorachidiano.

  • Quali informazioni è possibile ottenere?

    Gli esami micologici vengono utilizzati per la rilevazione e la diagnosi d’infezioni micotiche, come sostegno alle scelte terapeutiche e/o nel monitoraggio dell’efficacia della terapia.

    Per la maggior parte delle infezioni dermatologiche, la valutazione clinica e l’osservazione microscopica del campione possono essere sufficienti. Spesso però il microrganismo non viene identificato e il clinico sceglie il trattamento antimicotico topico o per via orale sulla base della propria esperienza clinica.

    Nel caso in cui siano presenti infezioni micotiche persistenti, profonde o sistemiche, si rende necessario l’utilizzo di esami di approfondimento per la definizione della diagnosi o il monitoraggio terapeutico.

    • Esame colturale – viene utilizzato per l’identificazione della specie micotica responsabile dell’infezione, previo trattamento dei campioni ad alta densità (materiale respiratorio o articolare) con soluzione di idrossido di potassio. Per la formulazione del referto sono spesso necessarie alcune settimane perché il tempo per la crescita di alcuni tipi di funghi è piuttosto lungo. Il test di sensibilità (antimicogramma), effettuato su funghi isolati da coltura, consente di individuare il miglior antimicotico da utilizzare, nel caso d'infezioni sistemiche. La spettrometria di massa (MALDI TOF-MS) è una tecnica diagnostica recente che compete con le tecniche molecolari, in quanto permette un'identificazione rapida e accurata dei batteri, dei lieviti e dei funghi filamentosi, isolati da coltura su terreno solido.
    • Test molecolari – Alle tecniche diagnostiche convenzionali, essenzialmente basate sulla rilevazione morfologico-colturale, si sono affiancate negli ultimi decenni soluzioni diagnostiche non colturali, alternative e/o complementari, quali quelle molecolari, che permettono il rilevamento più rapido del materiale genetico fungino, direttamente nei campioni biologici (sangue, liquido di lavaggio bronco-alveolare, liquido cefalorachidiano, biopsia, ecc), con una sensibilità maggiore di quella dei metodi colturali e tempi più brevi. Purtroppo con le indagini molecolari non è poi possibile eseguire un antimicogramma.
    • Test immunologici – Per la diagnostica di alcune infezioni fungine possono essere usati test per la ricerca di antigeni e/o anticorpi specifici. Ad esempio, la presenza di galattomannano nel siero è un importante e precoce indicatore diagnostico di Aspergillosi invasiva in soggetti immunodepressi. La ricerca simultanea dell’antigene mannano e di anticorpi anti mannano è una strategia raccomandata dall’ESCMID per la diagnosi di candidemia sistemica, in quanto  a volte potrebbe anticipare di diversi giorni la positivizzazione dell'emocoltura. 
      Rispetto ad altre infezioni, soprattutto di tipo virale, la diagnosi sierologica delle infezioni fungine risulta meno attendibile: molte infezioni sono infatti dovute a patogeni che colonizzano anche soggetti sani (ad esempio la Candida) e quindi, la presenza di anticorpi può indicare sia una infezione invasiva che una semplice colonizzazione. Inoltre le micosi si sviluppano prevalentemente in soggetti immuno-compromessi, nei quali la produzione di anticorpi può essere ridotta e quindi non facilmente rilevabile. Gli anticorpi, prodotti dalla risposta immunitaria, richiedono alcune settimane per raggiungere livelli apprezzabili; questo in un contesto grave e urgente come quello delle infezioni invasive può essere estremamente limitante. Attualmente, sono disponibili diversi kit commerciali per la ricerca di anticorpi sierici diretti contro antigeni .

    La tabella sottostante riassume l’utilizzo di alcuni test utilizzati per gli esami delle infezioni micotiche:

    Test per le infezioni micotiche superficiali

    ESAME

    CAMPIONE

    DESCRIZIONE

    USI

    TEMPO PER LA RISPOSTA

    Esame microscopico previo trattamento con KOH (soluzione di idrossido di potassio)
     

    Raschiamento cutaneo, frammento di capelli o unghie, tessuti, tampone vaginale, fluidi corporei, espettorato

    Il campione viene posto su un vetrino e la soluzione chimica di KOH dissolve gli elementi non micotici; rileva i lieviti e le ife (filamenti ramificati); viene esaminato da personale di laboratorio specializzato.

    Test di screening; rileva la presenza di funghi ma non è in grado di definirne la specie.

    Rapido

    Esame microscopico con colorazione in fluorescenza con Calcofluor White

    Raschiamento cutaneo, frammento di capelli o unghie, tampone vaginale, fluidi corporei, espettorato

    Il colorante lega le strutture specifiche dei funghi presenti e, sotto una luce di idonea lunghezza d'onda, emette una luce visibile solo usando un microscopio a fluorescenza.

    Rileva la presenza di funghi ma non è in grado di definirne la specie.

    Rapido

    Esame micologico colturale

    Pelle, unghie, capelli, fluidi corporei, tessuti, tampone vaginale, espettorato, sangue

    Il campione viene posto in un terreno di coltura specifico e incubato in modo da permettere la crescita delle specie micotiche eventualmente presenti.

    Esame di riferimento per la diagnosi delle infezioni micotiche; permette la crescita dei funghi per la loro identificazione e per l’esecuzione del test di sensibilità.

    Giorni

    Nel caso in cui sia necessaria una diagnosi definitiva e nel caso d'infezioni persistenti, profonde o sistemiche, possono essere richiesti esami più approfonditi per l’identificazione dei funghi e per la definizione del trattamento appropriato. A questo scopo possono essere effettuati i test già menzionati insieme a quelli elencati nella tabella sottostante:

    Test per le infezioni micotiche sistemiche

    ESAME

    CAMPIONE

    DESCRIZIONE

    USI

    TEMPO PER LA RISPOSTA

    Test di sensibilità (antimicogramma)

    Campione della specie isolata in coltura

    Eseguito in seguito ad esame colturale; nel caso in cui venga identificato un fungo patogeno tramite l’esame colturale, il test di sensibilità viene effettuato per determinare il trattamento antimicotico più efficace.

    Indicazioni terapeutiche

    Giorni o settimane, in quanto effettuato esclusivamente dopo crescita da coltura

    Test antigenico

    Sangue, urine, liquor, fluidi corporei

    Rileva la presenza di proteine associate con determinate specie micotiche. Questo tipo di test è disponibile per diverse specie fungine.

    Diagnosi d'infezione di alcune specie di funghi.

    Giorni o settimane

    Test anticorpale

    Sangue, liquor

    Rileva la risposta immunitaria attivata in seguito all’esposizione a determinate specie di funghi; può essere richiesto su un singolo campione o su campioni prelevati a distanza di 2-3 settimane (fase acuta e convalescente).

    Diagnosi d'infezione attiva o recente da parte di specifiche specie micotiche; monitoraggio della terapia.

    Giorni

    Test molecolari per la ricerca di DNA/RNA

    Campione della specie isolata in coltura, sangue, liquor, fluidi corporei

    Rileva il materiale genetico di determinate specie micotiche.

    Rileva la presenza di determinate specie micotiche; non largamente utilizzato.

    Qualche ora

  • Quando viene prescritto?

    L’esame micologico viene richiesto nel caso in cui il paziente presenti segni e sintomi di un’infezione micotica. Poiché molti segni e sintomi di questo tipo d'infezione sono analoghi a quelli presenti in caso d'infezioni batteriche e/o virali, questi esami vengono spesso richiesti nel caso in cui la causa dell’infezione non sia ben chiarita.

    Per le infezioni superficiali, i sintomi associati riguardano la pelle, le unghie o le mucose:

    • Prurito, rossore e desquamazione del derma
    • Unghie ispessite, fragili e/o deformate
    • Punti bianchi all’interno della in bocca (mughetto)
    • Presenza di secrezioni vaginali biancastre (candidosi)

    I sintomi associati alle infezioni profonde o sistemiche possono essere molteplici e dipendono dalla sede interessata dall’infezione.

    I test per la diagnostica dei miceti possono anche essere richiesti periodicamente nell’ambito del monitoraggio dell’efficacia terapeutica o per rilevare eventuali ricadute in soggetti immunodepressi.

  • Cosa significa il risultato del test?

    L’interpretazione di questo tipo di test e la valutazione dei preparati microscopici e delle colture richiede molta esperienza nel settore. I risultati devono essere valutati attentamente insieme ai segni e sintomi del paziente, la storia clinica e, talvolta, la valutazione anamnestica (come i viaggi recenti).

    Infezioni superficiali

    Molte infezioni micotiche superficiali possono essere diagnosticate sulla base della valutazione clinica del paziente. Oltre ad alcuni sintomi generici, possono infatti essere presenti alcuni segni caratteristici (come l’aspetto delle unghie) oppure l’infezione può manifestarsi in sedi tipiche, come nella regione presente tra le dita dei piedi nell’infezione nota con il nome “piede dell’atleta”. Tuttavia, la sola valutazione clinica non è in grado di definire con certezza la specie micotica responsabile dell’infezione. Talvolta si rende necessaria l’esecuzione di un esame colturale o di un’analisi microscopica utili per la definizione della diagnosi e come supporto alle scelte terapeutiche.

    Alcuni esempi d'infezioni superficiali includono:

    • Infezioni causate da funghi appartenenti alla specie Candida
    • Tinea Pediso “Piede dell’atleta”
    • Tinea Cruriso "Prurito del fantino"
    • Infezioni del cuoio capelluto o dei capelli
    • Infezioni delle dita o delle unghie
    • Tigna
    Infezioni micotiche profonde, polmonari, ematiche e sistemiche

    In presenza d'infezioni persistenti profonde o sistemiche, può essere necessario fornire una diagnosi definitiva tramite esami più approfonditi, in grado di fornire indicazioni dettagliate sulla specie responsabile dell’infezione e sul conseguente trattamento da seguire. In genere vengono perciò richiesti una serie di esami su campioni di espettorato o di tessuto polmonare, su sangue, urina o liquido cefalorachidiano. Esempi di alcune infezioni gravi che quindi possono richiedere esami più dettagliati sono:

    • Aspergillosi
    • Blastomicosi
    • Coccidioidomicosi
    • Criptococcosi
    • Istoplasmosi

    In generale, un risultato negativo indica che non sono presenti infezioni micotiche e che i sintomi sono riconducibili ad altra causa. Un risultato negativo ottenuto dopo un trattamento terapeutico è indicativo dell’efficacia del trattamento.

    Un risultato positivo indica in genere la presenza del fungo e talvolta identifica la specie responsabile dell’infezione:

    • Esame microscopico (previo utilizzo di preparazione KOH o colorazione Calcofluorwhite) – sebbene questo test non sia in grado d'identificare la specie micotica responsabile dell’infezione, la sua positività indica che i sintomi del paziente sono riconducibili ad un’infezione micotica.
    • Esame colturale – l’interpretazione dei risultati richiede molta attenzione e spesso dipende dal tipo di campione in esame:
      • Campione di una sede “non sterile”: un test positivo identifica la o le specie micotiche presenti in quella sede (ad esempio la pelle). Possono essere presenti specie patogene (in grado di causare la malattia), opportunistiche (in grado di causare la malattia solo in persone immunocompromesse) o appartenenti alla normale flora residente, o un insieme di queste.
      • Campione di una sede “sterile”: appartengono a questa categoria i campioni di sangue, liquido cefalorachidiano o di tessuti prelevati in maniera appropriata. La positività all’esame colturale identifica il fungo o i funghi responsabili dell’infezione.
    • Test per la ricerca degli antigeni: un risultato positivo indica che verosimilmente la specie micotica testata è la causa dell’infezione.
    • Test per la ricerca di anticorpi: un risultato positivo in un singolo campione indica l’esposizione ad una determinata specie micotica, ma non è in grado di discriminare tra infezioni pregresse o in atto. L’aumento dei livelli di anticorpi tra due campioni prelevati a distanza di 2-3 settimane l’uno dall’altro (fase acuta e convalescente) indica la presenza di un’infezione attiva o recente.
    • Test molecolari: la rilevazione del materiale genetico di determinate specie micotiche all’interno di campioni “sterili” come il sangue, il liquido cefalorachidiano o i tessuti, indica che l’infezione è dovuta a quella specie micotica.
  • C’è altro da sapere?

    La presenza di quantità troppo piccole della specie micotica all’interno del campione può determinare la presenza di risultati falsamente negativi.

    Per quanto riguarda i test anticorpali invece, la compromissione del sistema immunitario del paziente esaminato potrebbe determinare una scarsa produzione di anticorpi, anche pur in presenza dell’infezione.

    Le infezioni micotiche in genere vengono distinte da quelle causate da altri agenti patogeni come i batteri. Tuttavia possono esistere situazioni nelle quali sono presenti sia specie micotiche che batteriche.

    I funghi prosperano in ambienti caldo-umidi, come le superfici intorno alle piscine e nelle palestre, all’interno di calzini e di scarpe sudate, in corrispondenza delle pieghe della pelle e ogniqualvolta la pelle sia costretta in vestiti aderenti. Le infezioni della pelle possono essere limitate utilizzando le ciabatte all’interno degli spogliatoi o in piscina, cambiando i calzini e gli indumenti intimi ogni giorno, facendo asciugare bene le scarpe e mantenendo le zone umide del corpo asciutte e pulite.

Accordion Title
Domande Frequenti

approved

Revisori:
Margherita Scapaticci, Laboratorio Analisi, Ospedale San Camillo Treviso
Andrea Bartolini, Laboratorio Analisi, Ospedale San Bassiano, Azienda ULSS7 Pedemontana

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Percorso Diagnostico: Micosi profonde e sistemiche. Comitato di Studio per la Micologia –CoSM 2015

New Concepts in Diagnostics for Invasive Mycoses: Non-Culture-Based Methodologies. Thomas F. Patterson * and J. Peter Donnelly Division of Infectious Diseases, San Antonio Center for Medical Mycology, The University of Texas Health Science Center at San Antonio and the South Texas Veterans Health Care System, 17 January 2019

Centers for Disease Control and Prevention (December 2, 2014 updated). Types of Fungal Diseases. Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/index.html. Accessed August 27, 2016.

Blackwell M. The Fungi: 1, 2, 3 ... 5.1 Million Species? American Journal of Botany. 2011; 98(3): 426–438.

American Thoracic Society (October 2013 updated). Aspergillosis. Available online at http://www.thoracic.org/patients/patient-resources/resources/aspergillosis.pdf. Accessed September 5, 2016.

American Thoracic Society (October 2013 updated). Candida Infection of the Bloodstream– Candidemia. Available online at http://www.thoracic.org/patients/patient-resources/resources/candidemia.pdf. Accessed September 5, 2016.

American Thoracic Society (October 2013 updated). Coccidiodomycosis. Available online at http://www.thoracic.org/patients/patient-resources/resources/coccidioidomycosis.pdf. Accessed September 5, 2016.

American Thoracic Society (October 2013 updated). Histoplasmosis. Available online at http://www.thoracic.org/patients/patient-resources/resources/histoplasmosis.pdf. Accessed September 5, 2016.

Mayo Medical Laboratories. Aspergillus (Galactomannan) Antigen, Serum. Available online at http://www.mayomedicallaboratories.com/test-catalog/Overview/84356. Accessed September 5, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (November 13, 2015 updated.) Aspergillosis. Available online at: http://www.cdc.gov/fungal/diseases/aspergillosis/index.html. Accessed August 27, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (December 28, 2015 updated.) Blastomycosis. Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/blastomycosis/index.html. Accessed August 27, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (June 12, 2015 updated.) Candidiasis. Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/candidiasis/index.html. Accessed August 27, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (February 13, 2014 updated.) Genital/Vulvovagial Candidiasis (VVC). Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/candidiasis/genital/index.html. Accessed August 27, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (June 12, 2015 updated). Invasive Candidiasis. Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/candidiasis/invasive/index.html. Accessed August 27, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (June 29, 2015 updated). Valley Fever (Coccidioidomycosis). Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/coccidioidomycosis/index.html. Accessed August 27, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (November 28, 2015 updated). C. neoformans Infection. Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/cryptococcosis-neoformans/index.html. Accessed August 27, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (December 16, 2015 updated). C. gatti Infection. Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/cryptococcosis-gattii/index.html. Accessed August 27, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (November 21, 2015 updated.) Histoplasmosis. Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/histoplasmosis/index.html. Accessed August 27, 2016.

Centers for Disease Control and Prevention (February 13, 2014 updated.) Pneumocystis Pneumonia. Available online at http://www.cdc.gov/fungal/diseases/pneumocystis-pneumonia/index.html. Accessed August 27, 2-16.

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Wu, A. (2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, Fourth Edition. Saunders Elsevier, St. Louis, Missouri. Pp 1569, 1570, 1532, 1616.

Forbes, B. et. al. (© 2007). Bailey & Scott's Diagnostic Microbiology, Twelfth Edition: Mosby Elsevier Press, St. Louis, Missouri. Pp 629-716.

(2008 March 27, Modified). Candidiasis. CDC, Division of Foodborne, Bacterial, and Mycotic Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nczved/dfbmd/disease_listing/candidiasis_gi.html. Accessed on 8-14-08.

(2008 March 27, Modified). Aspergillosis (Aspergillus). CDC, Division of Foodborne, Bacterial, and Mycotic Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nczved/dfbmd/disease_listing/aspergillosis_gi.html. Accessed on 8-14-08.

(2008 March 27, Modified). Blastomycosis. CDC, Division of Foodborne, Bacterial, and Mycotic Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nczved/dfbmd/disease_listing/blastomycosis_gi.html. Accessed on 8-14-08.

(2008 March 27, Modified). Coccidioidomycosis. CDC, Division of Foodborne, Bacterial, and Mycotic Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nczved/dfbmd/disease_listing/coccidioidomycosis_gi.html. Accessed on 8-14-08.

(2008 March 27, Modified). Cryptococcus. CDC, Division of Foodborne, Bacterial, and Mycotic Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nczved/dfbmd/disease_listing/cryptococcus_gi.html. Accessed on 8-14-08.

(2008 March 27, Modified). Dermatophytes (Ringworm). CDC, Division of Foodborne, Bacterial, and Mycotic Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nczved/dfbmd/disease_listing/dermatophytes_gi.html. Accessed on 8-14-08.

(2008 March 27, Modified). Histoplasmosis. CDC, Division of Foodborne, Bacterial, and Mycotic Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nczved/dfbmd/disease_listing/histoplasmosis_gi.html. Accessed on 8-14-08.

(2008 March 27, Modified). Sporotrichosis. CDC, Division of Foodborne, Bacterial, and Mycotic Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/nczved/dfbmd/disease_listing/sporotrichosis_gi.html. Accessed on 8-14-08.

Lehrer, M. (2006 October 26, Updated). Fungal nail infection. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/001330.htm. Accessed on 8-14-08.

Lehrer, M. (2006 October 16, Updated). Tinea Corporis. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000877.htm. Accessed on 8-14-08.

Berman, K. (2007 April 12, Updated). Athlete's Foot. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000875.htm. Accessed on 8-14-08.

Lehrer, M. (2006 October 16, Updated). Tinea capitis. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000878.htm. Accessed on 8-14-08.

Berman, K. (2007 April 12, Updated). Jock itch. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000876.htm. Accessed on 8-14-08.

Lehrer, M. (2007 April 12, Updated). Skin lesion KOH exam. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003761.htm. Accessed on 8-14-08.

Berman, K. (2006 October 13, Updated). Wood's lamp. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003386.htm. Accessed on 8-14-08.

Stokowski, L. (2007 November 20). Fungal Skin and Nail Infections: Practical Advice for Advanced Practice Clinicians. Medscape Nursing Perspectives [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/566002. Accessed on 8-16-08.

Pappas, P. (2007 May 31). Invasive Fungal Infections: Diagnosis, Treatment, and Prophylaxis CME/CE. Medscape [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/556373. Accessed on 8-13-08.

(2005 November, Revision). Fungi. The Merck Manual for Healthcare Professionals [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/mmpe/sec14/ch180/ch180a.html?qt=fungal%20infection&alt=sh#sec14-ch180-ch180a-1521. Accessed on 8-13-08.

(2005 November, Revision). Fungal Skin Infections. The Merck Manual for Healthcare Professionals [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/mmpe/sec10/ch120/ch120a.html. Accessed on 8-13-08.

(© 2006-2008). Yeast-Associated Syndromes. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/InfectiousDz/Fungi/Yeasts.html. Accessed on 8-16-08.

(© 2006-2008). Mold-Associated Syndromes. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/InfectiousDz/Fungi/Molds.html. Accessed on 8-16-08.

Ellis, D. (2008 February 7, Modified). Calcofluor White with 10% KOH. Mycology Online [On-line information]. Available online at http://www.mycology.adelaide.edu.au/Laboratory_Methods/Microscopy_Techniques_and_Stains/calcofluor.html. Accessed on 8-16-08.

(March 2011) Mandanas R. Fungal Pneumonia. Medscape Reference Article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/300341-overview. Accessed October 2012.

(May 21 2012) Hidalgo J. Candidiasis, Medscape Reference. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/213853-overview. Accessed October 2012.

(October 1, 2012) King J. Cryptococcocus, Medscape Reference. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/215354-overview. Accessed October 2012.

American Thoracic Society. Fungal Lung Disease. PDF available for download at http://www.thoracic.org/education/breathing-in-america/resources/chapter-9-fungal-lung-disease.pdf. Accessed October 2012.

(January 5, 2012) Centers for Disease Control and Prevention. Fungal Infections. Available online at http://www.cdc.gov/fungal/. Accessed October 2012.

(March 9, 2011) Rashid M. Tinea in Emergency Medicine. Medscape Reference. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/787217-overview. Accessed October 2012.