Ultima Modifica: 18.04.2018.

L'organismo utilizza il sistema di regolazione a feedback (SF) per controllare alcune funzioni. Un SF usa uno dei prodotti di un processo metabolico, di norma il prodotto finale, per controllare l'attività del processo stesso. SF può essere positivo o negativo.

Per capire il SF negativo si deve pensare a come un termostato in casa controlla la temperatura. Diciamo che il termostato sia fissato a 20° (il prodotto finale del processo). Quando la temperatura scende al di sotto di 20° il SF è attivato, la caldaia si accende ed inizia a pompare calore in casa. Quando l'aria in casa raggiunge 20° il termostato spenge la caldaia (nessun prodotto più generato=non più aria calda prodotta). Un SF negativo mantiene uno stato di stabilità o di equilibiro ed è quello più comunemente trovato nell'organismo. Il SF positivo aumenta la velocità di formazione del prodotto. Questo tende a produrre un cambiamento del sistema piuttosto che mantenere uno stato stabile. Si deve pensare a come quando una persona lavora intensamente ed  è ricompensata per i suoi sforzi, lavora ancora più intensamente aspettandosi maggiori compensi.  Esistono pochissimi esempi di SF positivo nell'organismo. Un esempio comunque è l'allattamento. L'azione di aspirazione di un lattante produce prolattina che stimola la produzione di latte; maggior aspirazione porta a più prolattina che a sua volta prota ad una maggior produzione di latte. Questo è un SF positivo poichè il prodotto finale (latte) produce più aspirazione e più ormone. Quando il bambino non è più allattato al seno, la prolattina crolla e la produzione di latte cessa.