Noto anche come
PCOS
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 28.09.2017.

Che cos'è?

La sindrome dell'ovaio policistico (Polycystic Ovarian SYndrome, PCOS), conosciuta anche come sindrome di Stein-Leventhal, colpisce circa il 5 - 10 % delle donne in età fertile. E' probabilmente la disfunzione ormonale più comune nelle donne in età riproduttiva ed è una delle principali cause di infertilità, anche se le cause non sono ancora ben note. La PCOS è caratterizzata da un aumento di androgeni (ormoni sessuali maschili – principalmente testosterone), anovulazione (assenza di ovulazione), amenorrea o oligomenorrea, sanguinamento uterino e da un grado variabile di resistenza all'insulina, dislipidemie e obesità. Nella donna g li androgeni sono normalmente prodotti in piccole quantità nelle ovaie e nelle ghiandole surrenali. Tra i segni caratteristici figurano irsutismo e acne; in casi estremi, si può avere virilizzazione. All'ecografia, le ovaie delle donne affette da PCOS tendono ad essere ingrandite e con numerose cisti che assumono l'aspetto di una “collana di perle”. In assenza di ovulazione non è prodotto sufficiente progesterone per cui il rapporto estrogeni/progestinici viene alterato; ciò può provocare una iperplasia endometriale (eccessivo rivestimento epiteliale dell'utero) e aumentare quindi il rischio di sviluppare il cancro endometriale. Anche se le cause della PCOS non sono ben note, si ritiene che la resistenza all'insulina possa essere un fattore chiave. L'insulina è di vitale importanza nel metabolismo del glucosio, aiutando a regolarne i livelli ematici oltre ad avere un ruolo nel metabolismo dei lipidi e dei carboidrati. La condizione di insulino-resistenza è caratterizzata da iperinsulinemia ed è spesso associata a obesità. La combinazione di elevati livelli di androgeni surrenali e obesità nella PCOS conduce ad un aumento nella produzione extraghiandolare di estrogeni; quanto maggiore è l'obesità tanto maggiore sarà la aromatizzazione di androgeni in estrogeni da parte delle cellule adipose interstiziali. Inoltre, l'insulina interagisce con i recettori per l'IGF-1 ovarici inducendo la produzione di androgeni. Vista la relazione tra insulino-resistenza e PCOS, le donne affette da ovaio policistico hanno un maggiore rischio di contrarre diabete mellito di tipo II e malattie cardiovascolari.

Accordion Title
Approfondimenti
  • Segni e Sintomi

    La PCOS è una malattia eterogenea: le donne affette possono presentare una vasta gamma di sintomi e segni diversi, di entità diversa e variabili nel tempo. Inoltre una definizione precisa della malattia non esiste. Molto spesso le donne affette riferiscono irregolarità mestruali, infertilità e sintomi associati all'eccesso di androgeni. Le pazienti possono presentare:

    • amenorrea o oligomenorrea
    • Sanguinamento uterino
    • acne
    • irsutismo (distribuzione peli corporei associabile al fenotipo maschile)
    • acanthòsis nìgricans
    • ipotrofia mammaria
    • aumento di peso
    • diradamento dei capelli
    • modificazioni della voce (raro)
  • Esami

    La PCOS è per qualche verso una diagnosi di esclusione. Non esiste un test specifico che può essere usato per la diagnosi della malattia e non vi è accordo su quali criteri diagnostici dovrebbero essere rispettati. Dopo un'attenta anamnesi, il medico dovrà prescrivere dei test per escludere in prima analisi altre cause di infertilità e anovulazione. Principalmente i tests sono finalizzati a distinguere tra una iperplasia surrenalica o forme tumorali surrenaliche o ovariche. Le indagini vengono associate all'ecografia finalizzata ad uno studio anatomico delle ovaie. Dopo la diagnosi di PCOS , il medico potrà prescrivere test quali: profilo lipidico e livelli di glucosio per monitorare il rischio di sviluppare future complicanze come il diabete e malattie cardiovascolari

    Test di laboratorio
    • FSH (ormone follicolo stimolante) può essere normale o poco aumentato
    • LH (ormone luteinizzante) sarà aumentato
    • Rapporto LH/FSH. Questo rapporto è 1:1 nelle donne fertili, ma in caso di PCOS il rapporto è tipicamente superiore a 2
    • Prolattina
    • Testosterone totale e/o libero
    • DHEAS (l'aumento indica l'origine surrenalica dell'iperandrogenismo)
    • Estrogeni
    • Globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG)
    • Delta4-Androstendione
    • Profilo lipidico (colesterolo totale, HDL e LDL, trigliceridi)
    • Glicemia basale e/o dopo carico orale
    • Insulinemia

     

    Indagini strumentali

    L'ecografia transvaginale e/o pelvica/addominale è utilizzate per valutare l'ingrossamento delle ovaie. In corso di PCOS, le ovaie sono tipicamente ingrandite e policistiche. L'ecografia, comunque, non è da considerarsi diagnostica: infatti, anche se nel 90% delle donne con PCOS è riscontrabile la presenza di cisti, queste sono presenti anche nel 25% delle donne senza PCOS. La diagnosi di PCOS è essenzialmente clinica e si basa sulla coesistenza di anovulazione cronica e vari gradi di iperandrogenismo.

  • Trattamento

    Il trattamento della PCOS è volto a ridurre i sintomi e aiutare a prevenire complicanze. Gli obiettivi sono: promuovere l'ovulazione, impedire l'iperplasia endometriale, controbilanciare gli effetti degli androgeni, e ridurre la resistenza insulinica. la scelta della terapia dipende dall'entità dei sintomi e dalle necessità della paziente. Bassi dosaggi di contraccettivi orali sono spesso utilizzati per sopprimere la produzione ovarica e probabilmente surrenalica di androgeni. Entro alcuni mesi, in genere, questo approccio terapeutico è efficace nel regolarizzare i cicli mestruali, eliminare o ridurre al minimo il sanguinamento uterino e ridurre i livelli di androgeni con una conseguente riduzione dell'irsutismo e dell'eventuale acne. Nel caso in cui la pazienta desidera iniziare una gravidanza, occorre indurre l'ovulazione attraverso strategie terapeutiche differenti tra cui l'uso del clomifene. La metformina viene utilizzata per aumentare la sensibilità insulinica. A questo scopo anche la perdita di peso e l'esercizio fisico possono rappresentare un ottimo presidio. La riduzione del peso può anche ridurre i livelli ematici di testosterone e insulina.

Fonti

NOTA: Questa sezione è basata sulla ricerca che utilizza le fonti qui citate insieme all’esperienza collettiva della Revisione Editoriale di Lab Tests Online. Questa sezione è periodicamente rivista dalla Revisione Editoriale e può essere aggiornata come risultato della revisione. Ogni nuova fonte citata sarà aggiunta alla lista e distinta dalle fonti originali.


S1
Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

S2
Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

S3
Bradley, C. (2002 February 4). Ovarian overproduction of androgens [7 paragraphs]. MEDLINEplus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available FTP: http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/001165.htm

S4
Sadovsky, R. (2001 December 15). Androgen Deficiency in Women: Review of the Subject [6 paragraphs]. American Family Physician, Tips from Other Journals [On-line Journal, info from Miller, KA. Androgen deficiency in women. J. Clin Endrocrinol Metab 2001;86:2395-401]. Available FTP: http://www.aafp.org/afp/20011215/tips/6.html

S5
Alberta Clinical Practice Guidelines Steering Committee (2001 June, Revised). Laboratory Endocrine Testing Guidelines (pdf) [101 paragraphs]. Alberta Medical Association [On-line guidelines]. Available FTP: http://www.albertadoctors.org/resources/endocrinology.html

S6
Lobo, R. and Carmina, E. (2000 June 20). The Importance of Diagnosing the Polycystic Ovary Syndrome [23 paragraphs]. Annals of Internal Medicine [On-line Journal, Information from Ann Intern Med. 2000;132:989-993]. Available FTP: http://www.annals.org/issues/v132n12/full/200006200-00010.html

S7
Polycystic ovary syndrome (2002) [23 paragraphs]. Hendrick Health System, AccessMed Health Information Library [On-line information]. Available FTP: http://www.hendrickhealth.org/healthy/index.htm

S8
Smith Waddell, R. (2000). PCOS Frequently Asked Questions [42 paragraphs]. InterNational Council on Infertility, Information Dissemination (INCIID) [On-line information]. Available FTP: http://www.inciid.org/faq/pcos2.html

S9
Wozznicki, K. (2003 February 3). An Ovarian Link To Diabetes [16 paragraphs]. MEDLINEplus Health Information [On-line Article, United Press International Science News]. Available FTP: http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/news/fullstory_11520.html

S10
Chen, P. (2002 February 7, Updated). Stein-Leventhal syndrome [18 paragraphs]. MEDLINEplus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available FTP: http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000369.htm

S11
Polycystic Ovary Syndrome (PCOS) [5 paragraphs]. The Hormone Foundation [On-line information]. Available FTP: http://www.hormone.org/learn/pcos.html

S12
Polycystic Ovary Syndrome (PCOS) (2001 April) [15 paragraphs]. The National Women's Health Information Center, 4Woman.gov [On-line information]. Available FTP: http://www.4woman.gov/faq/pcos.htm

S13
Hunter, M. and Sterrett, J. (2000 September 1). Polycystic Ovary Syndrome: It's Not Just Infertility [42 paragraphs]. American Family Physician [On-line journal]. Available FTP: http://www.aafp.org/afp/20000901/1079.html

S14
#2023: Polycystic Ovary Evaluation [7 paragraphs]. Specialty Laboratories Test Information [On-line information]. Available FTP: http://www.specialtylabs.com/test/details.asp?id=2023

S15
Adrenal Gland Disorders [44 paragraph]. The Merck Manual of Medical Information--Home Edition, Section 13. Hormonal Disorders, Chapter 146 [On-line information]. Available FTP: http://www.merck.com/mrkshared/mmanual_home/sec13/146.jsp

S16
Berga, S. (2003 January 23). Weight Loss Improves Reproduction and Insulin Levels in Women With Polycystic Ovary Syndrome [9 paragraphs]. AMA Science News Media Briefings [On-line press release]. Available FTP: http://www.ama-assn.org/ama/pub/article/4197-7204.html