Noto anche come
APS
APLS
aPL
Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 06.12.2017.

Cos’è la sindrome da anti-fosfolipidi?

La sindrome da anti-fosfolipidi (APS) è una patologia autoimmune, nella quale il sistema immunitario riconosce ed attacca erroneamente proteine e strutture dell’organismo di appartenenza. Questa sindrome è associata con l’aumentato rischio di formazione inappropriata di trombi; per questo motivo viene considerata una patologia da ipercoagulazione (trombofilia).

In condizioni normali gli anticorpi hanno un ruolo difensivo contro le infezioni. Nell’APS, sono presenti degli anticorpi che riconoscono come estranee ed attaccano delle lipoproteine presenti nella membrana cellulare di cellule e piastrine. Questi anticorpi inoltre interferiscono con i processi coagulativi secondo un meccanismo non del tutto chiarito. L’APS è associata con aumento degli episodi trombotici, basso numero di piastrine (trombocitopenia) e, in gravidanza, reazioni avverse come la pre-eclampsia o aborti spontanei ricorrenti.

Gli anticorpi anti-fosfolipidi più comunemente associati con APS sono i Lupus Anticoagulant (LAC), gli anticorpi anti-cardiolipina e gli anticorpi anti-beta 2 glicoproteina 1 (B2GP1). La presenza di questi anticorpi è associata all’aumentato rischio di sviluppare episodi trombotici venosi ed arteriosi. I sintomi e le conseguenze possono essere da moderati a molto gravi. La formazione di trombi può ostruire i vasi comportando danno tissutale e d’organo. Se in sede polmonare, cardiaca o renale, i trombi possono causare embolia polmonare, infarto cardiaco, ictus e/o danno renale. Una piccola parte dei pazienti affetti da APS può manifestare episodi trombotici dispersi con interessamento multiorgano, condizione nota con il nome di APS catastrofica.

Le persone con anticorpi anti-fosfolipidi, possono essere affetti da APS e da un’altra patologia autoimmune concomitante, come il lupus eritematoso sistemico (LES); esistono anche persone positive per uno o più autoanticorpi non associati ad alcun sintomo. Talvolta patologie come l’HIV/AIDS, la malattia di Lyme ed alcuni tipi di cancro, possono essere associate a livelli bassi di anticorpi anti-fosfolipidi. Questi possono inoltre essere presenti in maniera transitoria in seguito ad infezioni o all’assunzione di alcuni farmaci come le fenotiazina (farmaci psichiatrici), l’antibiotico amoxicillina o l’antiaritmico procainamide. La presenza di storia familiare positiva per APS aumenta il rischio di sviluppare tale patologia.

L’APS può colpire chiunque, anche se le donne in età fertile o le persone con altre patologie autoimmuni sono maggiormente a rischio. Gli anticorpi anti-fosfolipidi sono stati trovati nell’1-5% dei giovani sani e in più del 10% della popolazione generale. Secondo alcune stime, l’APS sarebbe la patologia da ipercoagulazione acquisita più comune, riscontrabile in più del 5% delle donne in gravidanza.

Accordion Title
Approfondimenti
  • Segni e Sintomi

    I sintomi associati con APS possono variare da persona a persona e da episodio ad episodio.

    Le donne in gravidanza affette da APS possono andare incontro ad aborto spontaneo, pre-eclampsia o parto prematuro.

    I sintomi associati all’ipercoagulazione dipendono dalla sede di formazione del trombo, che può essere, ad esempio, nelle vene degli arti inferiori (trombosi venosa profonda), nei polmoni (embolia polmonare), nelle arterie delle braccia o delle gambe (trombosi arteriosa periferica). Il rischio di formazione dei trombi aumenta con la gravidanza, l’immobilità, gli interventi chirurgici, l’abitudine al fumo di sigaretta, l’assunzione di contraccettivi orali o l’ipercolesterolemia.

    Esempi di segni e sintomi di APS includono:

    • Cefalea persistente
    • Ictus
    • Aborti spontanei multipli o altre complicanze legate alla gravidanza, come la pre-eclampsia
    • Dolore toracico
    • Dispnea
    • Nausea
    • Alterazioni cognitive o della capacità di parlare
    • Convulsioni
    • Perdita di memoria
    • Rossore, gonfiore e dolore degli arti inferiori e superiori
    • Eruzioni cutanee rosse sulle braccia o sulle gambe (livedo reticularis)
    • Ulcerazioni della pelle
    • Emorragie da moderate a gravi (indicative di trombocitopenia associata alla presenza di anticorpi in grado di legare e sequestrare i fattori della coagulazione, come il fattore X)
       

    I pazienti possono avere anche pochi di questi sintomi.

  • Esami

    L’obiettivo dei test consiste nel diagnosticare l’APS e di distinguerla da altre patologie o condizioni cliniche. Non tutti coloro che presentano anticorpi anti-fosfolipidi sviluppano necessariamente i sintomi e le complicanze correlate. Tuttavia, la diagnosi di APS necessita della presenza di almeno un segno clinico e di un autoanticorpo.

    Nella tabella sottostante sono riassunte le attuali linee guida:

    Criteri di Classificazione Aggiornati per la Sindrome da anti-fosfolipidi (APS) *

    Criteri Clinici

    Criteri Laboratoristici

    Trombosi vascolare:

    • Uno o più episodi trombotici confermati, arteriosi, venosi o dei piccoli vasi di qualsiasi tessuto o organo e verificati tramite metodiche di diagnostica per immagini o biopsia tissutale

    Complicanze della gravidanza: 

    • Uno o più aborti spontanei di un feto normalmente formato di più di 10 settimane
    • Uno o più parti prematuri di bambini normali nati prima della 34esima settimana di gestazione, dovuti a pre-eclampsia, ecalmpsia o alterazioni della placenta

    Test positivi per anticorpi anti-fosfolipidi, confermati dopo 12 settimane:

    • Lupus anticoagulant: presenti
    • Anticorpi anti-cardiolipina: presentiin quantità medio alta
    • Anticorpi Anti-β2GP1: presenti ad alte concentrazioni, maggiori rispetto al 99esimo percentile rispetto all’intervallo di riferimento

    *Stabiliti nel 2006 durante l’11esimo Congresso Internazionale degli anticorpi anti-fosfolipidi

    Test di laboratorio

    Gli esami ematici utili per rilevare la presenza degli autoanticorpi includono:

    Possono inoltre essere richiesti altri test per la valutazione dell’emostasi, come:

    Altri test non di laboratorio

    La presenza e la localizzazione di eventuali trombi possono essere indagate tramite alcune metodiche di diagnostica per immagini utili anche per valutare il danno d’organo e, durante la gravidanza, lo stato d salute del feto. Queste includono:

    • TAC
    • Risonanza magnetica nucleare
    • Ecografia, per rilevare trombi e valutare lo stato del feto in gravidanza
    • Ecocardiografia per rilevare alterazioni delle valvole cardiache
  • Trattamento

    Non esistono cure per la Sindrome da Antifosfolipidi (APS). L’obiettivo della terapia consiste nella prevenzione della formazione di trombi, nella loro eliminazione e nella diminuzione del danno d’organo e dei tessuti. In genere i pazienti con anticorpi anti-fosfolipidi ma senza aver mai avuto episodi trombotici o aborti, non vengono trattati. Essi potrebbero non avere mai una diagnosi di APS o le complicanze ed i sintomi associati.

    Le persone affette da APS dovrebbero ridurre il rischio di formazione di trombi evitando l’uso di contraccettivi orali ed astenendosi dal fumo di sigaretta. Nel caso in cui sia presente anche un’altra patologia autoimmune, queste devono essere trattate entrambe.

    Per eliminare i trombi vengono in genere somministrati farmaci anticoagulanti come il warfarin e l’eparina. Per prevenire la recidiva, spesso è necessaria una terapia a lungo termine con warfarin o con un anticoagulante alternativo. L'acido acetil salicilico può essere usato per pazienti a rischio di infarto.

    Le donne con APS possono avere una gravidanza, ma devono essere monitorate costantemente. Molte donne, durante la gravidanza, possono essere trattate con iniezioni di eparina sottocutanee e/o con aspirina a basso dosaggio, al fine di ridurre al minimo il rischio di formazione di trombi. Il warfarin non può essere usato in gravidanza.

    I pazienti con APS catastrofica devono essere trattati con anticoagulanti, glucocorticoidi e plasmaferesi con o senza la somministrazione di immunoglobuline per via endovenosa. In presenza di trombocitopenia o di altre complicanze, possono essere necessari ulteriori trattamenti.

Fonti

Fonti utilizzate nella revisione corrente

(Updated 2012 May 17). What is Antiphospholipid Syndrome? National Heart, Lung and Blood Institute. Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/aps/ through http://www.nhlbi.nih.gov/. Accessed June 2014.

Mayo Clinic Staff. (Updated 2014 April 15). Mayo Clinic. Available online at http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/antiphospholipid-syndrome through http://www.mayoclinic.org. Accessed June 2014.

(Updated January 2014). Antiphospholipid Syndrome-APS. ARUP Laboratories. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/APS.html?client_ID=LTD#tabs=1 through http://www.arupconsult.com/. Accessed June 2014.

(Reviewed January 2014). Thrombophilias. March of Dimes. Available online at http://www.marchofdimes.com/pregnancy/thrombophillias.aspx through http://www.marchofdimes.com. Accessed June 2014.

Belilos, E. (Updated 2012 January 19). Antiphospholipid Syndrome. Medscape. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/333221-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed June 2014.

Berg, G.T. (Updated 2013 January 7). Antiphospholipid Syndrome and Pregnancy. Medscape. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/261691-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed June 2014.

(Reviewed 2010 December 15). Learning About Antiphospholipid Syndrome (APS). National Human Genome Research Institute [On-line information]. Available online at http://www.genome.gov/17516396 through http://www.genome.gov. Accessed February 2011.

(Revised 2010 August). What Is Antiphospholipid Antibody Syndrome? National Heart Lung and Blood Institute [On-line information]. Available online at http://www.nhlbi.nih.gov/health/dci/Diseases/aps/aps_what.html through http://www.nhlbi.nih.gov. Accessed February 2011.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pg 71.

Mayo Clinic Staff (2009 April 4). Antiphospholipid syndrome. Mayo Clinic [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/antiphospholipid-syndrome/DS00921 through http://www.mayoclinic.com. Accessed February 2011.

Rodgers, G. et. al. (Updated 2010 August). Antiphospholipid Syndrome – APS. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/APS.html?client_ID=LTD through http://www.arupconsult.com. Accessed February 2011.

Berg, T. (Updated 2011 January 14). Antiphospholipid Antibody Syndrome and Pregnancy. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/261691-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed February 2011.

Belilos, E. and Carsons, S. (Updated 2009 August 3). Antiphospholipid Syndrome. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/333221-overview through http://emedicine.medscape.com. Accessed February 2011.

Ruiz-Irastorza, G. and Khamashta, M. (Updated 2010 October). Pregnancy and Rheumatic Disease. American College of Rheumatology [On-line information]. Available online at http://www.rheumatology.org/practice/clinical/patients/diseases_and_conditions/pregnancy.asp through http://www.rheumatology.org. Accessed February 2011.

(2009 July). Thrombophilias. March of Dimes Pregnancy Complications [On-line information]. Available online at http://www.marchofdimes.com/Pregnancy/complications_thrombophilias.html through http://www.marchofdimes.com. Accessed February 2011.

Goldmuntz, E. and Penn, A. (Updated 2010 April 14). Autoimmune Diseases: Overview, Frequently Asked Questions. The National Women’s Health Information Center, womenshealth.gov [On-line information]. Available online at http://womenshealth.gov/faq/autoimmune-diseases.cfm through http://womenshealth.gov. Accessed February 2011.

Seif, A. et. al. (2009 November 18). Management of the Antiphospholipid Syndrome: New Approaches Medscape Today from Int. J. Clin. Rheumatol. 2009;4(5):533-549. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/712112 through http://www.medscape.com. Accessed February 2011.

Espinosa, G and Cervera, R. (2009 September 3). Morbidity and Mortality in the Antiphospholipid Syndrome Medscape Today from Curr Opin Pulm Med. 2009;15(5):413-417. [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/706960 through http://www.medscape.com. Accessed February 2011.