Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 26.09.2017.

Cosa sono le malattie cardiovascolari?

Le malattie cardiovascolari – o CVD – sono un gruppo di malattie che colpiscono il cuore e/o l’intero sistema dei vasi sanguigni del corpo. Numerose condizioni sono classificate come CVD. Molte di queste sono dovute alla formazione di placche di grasso all’interno dei vasi (per esempio: malattie coronariche cardiache, molti degli infarti, malattie vascolari periferiche). La lista delle malattie considerate CVD include (ma non è limitata a queste):

  • Ipertensione (pressione sanguigna alta)
  • Aterosclerosi (restringimento delle arterie dovuto alla formazione di placche) – è la causa principale di patologia alle arterie coronariche, di patologia cerebrovascolare, di malattie vascolari periferiche e aneurismi
  • Malattie cardiache
    • Malattia coronarica cardiaca (CHD) e malattia delle arterie coronariche (CAD) – sono le forme più comuni di malattia cardiaca che alla fine portano a: angina (dolore del petto), attacco cardiaco (infarto miocardico)
    • Insufficienza cardiaca inclusa l’insufficienza cardiaca congestizia (CHF)
    • Cardiomiopatie (anomalie del muscolo cardiaco)
    • Malattia del pericardio (malattia del sacco che circonda il cuore)
    • Malattie cardiache congenite (presenti alla nascita)
  • Malattia cerebrovascolare – l’aterosclerosi può colpire le arterie del cervello portando alla fine a:
    • Attacco ischemico transitorio (TIA) o “mini infarto”
    • Infarto
  • Malattia perferica vascolare che porta a:
    • Claudicazio (ostruzione del flusso sanguigno nelle arterie che causa dolore)
    • Gangrena (morte dei tessuti nelle gambe dovuta all’essenza di flusso sanguigno)
  • Aneurisma (rigonfiamento, allargamento di un vaso sanguigno)
  • Vasculite (infiammazione dei vasi sangugni)
  • Insufficienza venosa (valvole danneggiate all’interno delle vene permettono al sangue di circolare nella direzione sbagliata)
  • Vene varicose


Le malattie cardiache, definite come malattie del cuore e dei vasi sanguigni, e l’infarto rappresentano rispettivamente la prima e la terza causa di morte negli Stati Uniti. Sono fattori di rischio maggiori per le CVD elevata pressione sanguigna e elevato colesterolo, ma anche diabete, obesità, fumo e mancanza di esercizio, benché non tutte le CVD possono essere prevenute. Alcune sono predeterminate geneticamente, mentre altre, come alcune forme di cardiomiopatia, sono causate da virus. Comunque, le cause principali di morbilità e mortalità da CVD sono associate ad abitudini di vita poco salubri, come una dieta scorretta.