Ultima Revisione:
Ultima Modifica: 07.09.2017.

Cosa è il cancro del pancreas?

Il cancro è una crescita incontrollata di cellule anomale che danneggiano i tessuti normali e che possono eventualmente riprodurre la malattia a distanza (metastasi e diffusione in tutto il corpo). La maggior parte dei tumori pancreatici (95%) si sviluppa nei dotti pancreatici e, talvolta, si sviluppa nel pancreas esocrino. I tumori endocrini del pancreas sono più rari e sono di solito meno aggressivi rispetto ai tumori esocrini. Essi possono essere tumori benigni (quelli che non danno metastasi, come l'insulinoma) o maligni. Spesso vengono diagnosticati prima dei tumori del pancreas esocrino perché tendono a produrre una quantità eccessiva degli ormoni insulina e glucagone.

Parleremo principalmente dei tumori del pancreas esocrino a causa della maggiore diffusione ed aggressività. Purtroppo, questi tumori sono difficili da individuare in una fase precoce. Dal momento che il pancreas è approfondito all'interno dell'addome, i tumori che si sviluppano difficilmente possono essere evidenziati dalla palpazione dell'addome e prima che i sintomi diventino evidenti il tumore si è già propagato nel corpo. Una eccezione è il cancro della papilla che si forma dove il dotto pancreatico confluisce nel duodeno. Poiché questo tipo di cancro spesso ostacola il flusso della bile nel dotto biliare e causa ittero, può essere diagnosticato prima rispetto ad altri tumori del pancreas esocrino.

Secondo l'American Cancer Society, nel 2006 ci saranno 33.730 diagnosi di tumore del pancreas negli Stati Uniti e si stimano i decessi in 32.300. Questo tumore è la quarta causa di morte per cancro negli Stati Uniti, soprattutto perché solo il 10% dei tumori, al momento della diagnosi, sono localizzati all'organo.

Accordion Title
Approfondimenti
  • Segni e Sintomi

    I primi sintomi del cancro del pancreas sono spesso assenti o insidiosi. Essi includono dolore addominale, nausea, perdita di appetito, inspiegabile perdita di peso e ittero. Poiché questi sintomi sono propri anche di altre condizioni oltre al cancro, nelle prime fasi di sviluppo possono essere ignorati o mancanti . Con il tempo il dolore cronico, la nausea, il vomito, il malassorbimento ed i problemi dell'equilibrio glicemico diventano evidenti ma a questo punto il cancro del pancreas è già diffuso.
     

  • Esami

    Purtroppo non esistono test di laboratorio per la diagnosi precoce di cancro al pancreas. La diagnosi è posta solitamente dopo che il cancro si è già diffuso.

    Alcuni esami di imaging che possono essere utilizzati sono:

    • La tomografia computerizzata (TC): utile per la rilevazione di masse pancreatiche e di stadiazione per il cancro metastatizzato
    • La biopsia: utilizzata per confermare la diagnosi di cancro, spesso eseguita sotto controllo TC
    • La colangio-pancreatografia retrograda endoscopica (ERCP): un test endoscopico che può essere utilizzato per introdurre una sostanza radio-opaca o per inserire uno stent nel dotto al fine di mantenerlo pervio.
    • L'ecografia transaddominale
    • La colangiopancreatografia in risonanza magnetica (MRCP): un tipo di risonanza magnetica (MRI) utilizzato per visualizzare il pancreas ed i suoi dotti spesso usato prima o al posto della ERCP

    Gli esami di laboratorio che possono essere al di fuori dei valori di riferimento, ma non diagnostici del cancro del pancreas sono:

    • Pannello metabolico: un gruppo di test che può essere utilizzato per valutare l'ittero, per evidenziare elevati livelli di bilirubina e degli enzimi epatici, per monitorare la funzione epatica e renale
    • CA 19-9 (Cancer Antigen 19-9): è un marcatore tumorale correlato al cancro al pancreas, può essere utilizzato per monitorare per la recidiva del cancro, ma non è utile per la diagnosi
    • CEA (antigene carcinoembrionario): è un marcatore tumorale correlato al tumore pancreatico utile esclusivamente come strumento di monitoraggio dlla malattia
    • Altri test che indagano la funzionalità del pancreas, come tripsina, tripsinogeno, amilasi e lipasi possono essere necessari per valutare se è necessaria la supplementazione di enzimi pancreatici
  • Prevenzione e Trattamento

    La prevenzione consiste nell'evitare comportamenti a rischio come il fumo, ossia il principale fattore di rischio per il carcinoma pancreatico. Circa il 30% dei tumori del pancreas si pensa siano un risultato diretto del fumo di sigaretta. Altri rischi sono:

    • Età (incidenza maggiore in età superiore a 60)
    • Sesso (gli uomini hanno una probabilità di sviluppare il cancro del pancreas maggiore del 30% rispetto alle donne )  
    • Pancreatite cronica
    • Dieta (una dieta ricca di carne e grassi sembra aumentare il rischio)
    • Diabete mellito
    • Esposizione ad alcune sostanze chimiche industriali, come alcuni pesticidi e prodotti petroliferi
    • Storia familiare (ereditarietà dal 5% al 10% dei casi)
       

    Va sottolineato che la maggior parte delle persone che sono al corrente dei fattori di rischio non si ammalano di cancro del pancreas, ma molti di coloro che ammalano di tumore pancreatico non sono stati esposti a nessuno di questi fattori di rischio.

    Il trattamento inizia con la stadiazione al fine di determinare quanta parte del pancreas è coinvolto e se il tumore si è diffuso. La stadiazione divide in categorie il tumore del pancreas: operabile (circoscritto all'organo e può essere rimosso chirurgicamente), localmente avanzato (diffusione in organi vicini e non operabile) o metastatico (diffusione agli organi distanti).

    Purtroppo meno del 15% dei tumori pancreatici rientra nella categoria degli operabili. Molti fattori come le dimensioni, in che parte del pancreas si trova , quanto è diffuso ed anche lo stato di salute del paziente, influenzano la decisione di intervento chirurgico. L'intervento chirurgico al pancreas è molto difficile. Esso richiede un chirurgo esperto, è associato a complicanze significative, e richiede diverse settimane di tempo di recupero.
    Le procedure chirurgiche includono :

    • procedura di Whipple: il chirurgo rimuove la testa del pancreas e parte del piccolo intestino, delle vie biliari e dello stomaco
    • pancreasectomia distale: vengono rimossi il corpo e la coda del pancreas e la milza
    • pancreasectomia totale: vengono rimossi il pancreas, parte dell'intestino tenue, parte dello stomaco, il coledoco, la colecisti, la milza ed i linfonodi vicini

    La radioterapia e la chemioterapia post chirurgica sono spesso necessarie in quanto piccolissimi pezzi di tumore vengono diffusi durante l'intervento. Purtroppo, il cancro del pancreas non risponde bene alle terapie attuali. Tuttavia, un nuovo agente chemioterapico, la gemcitabina approvata dalla FDA, sta mostrando risultati promettenti, e può essere utilizzato in combinazione con la radioterapia.

    Per i pazienti con tumori del pancreas ricorrenti o inoperabili, le cure palliative sono la scelta di elezione. La radioterapia, la chemioterapia o la chirurgia palliativa possono essere utilizzate per contribuire ad alleviare il dolore. Il trattamento chirurgico inoltre può essere effettuato anche su tumori non operabili per rimuovere o aggirare blocchi nel dotto biliare e per contribuire ad alleviare il dolore e l'ittero. Una colangio-pancreatografia retrograda endoscopica può essere effettuata per inserire uno stent nel dotto al fine di mantenerlo pervio. Si possono anche recidere, chirurgicamente, i nervi per contribuire ad alleviare il dolore che è resistente ad altre misure.