Streptococco β-emolitico di gruppo A (SBEA)

Noto anche come: Test Rapido, Test Rapido per SBEA, Coltura del tampone faringeo, Test rapido di rilevamento dell'antigene, RADT
Nome: Streptococco di gruppo A, Streptococco β-emolitico di gruppo A (SBEA), Streptococcus pyogenes di gruppo A beta-emolitico (GAS)
Esami associati:

Domande frequenti

1.    Quanto dura normalmente il trattamento per la faringite streptococcica?

2.    Per quanto tempo devo evitare contatti con altre persone se sono affetto da faringite streptococcica?

3.    Dopo quanto tempo posso far tornare a scuola mio figlio?

4.    Se uno dei bambini nella mia famiglia ha la faringite streptococcica, ci ammaleremo tutti?

5.    Cosa posso fare per evitare di diffondere la faringite streptococcica?

6.    Ho già avuto la faringite streptococcica e sono già stato trattato con gli antibiotici. Posso ammalarmi nuovamente?

7.    Cos’è un test ASLO e come viene utilizzato per rilevare una infezione da streptococco?

8.    Esistono altri tipi di infezioni dovuti a streptococco del gruppo A?

9.    Esistono altri tipi di streptococchi che causano faringite streptococcica?
 

1. Quanto dura normalmente il trattamento per la faringite streptococcica?

Dipende dall’antibiotico che viene prescritto; in genere dai 10 ai 14 giorni. Nonostante vi siano miglioramenti o addirittura la scomparsa dei sintomi prima che il trattamento antibiotico sia finito, è importante completare l’intero ciclo di trattamento prendendo tutti i farmaci che sono stati prescritti.

 

2. Se sono affetto da faringite streptococcica, per quanto tempo devo evitare contatti con altre persone?

E’ opportuno assumere l’antibiotico per almeno 24h prima di avere contatti con altre persone.

 

3. Dopo quanto tempo posso far tornare a scuola mio figlio?

Di solito dopo aver completato un giorno intero di trattamento antibiotico e in assenza di febbre; tuttavia, alcuni studi hanno rilevato che i bambini possono tornare a scuola dopo 12 ore dall’assunzione della prima dose di antibiotico, a patto che non abbiano la febbre e che mostrino dei miglioramenti.

 

4. Se uno dei bambini nella mia famiglia ha la faringite streptococcica, ci ammaleremo tutti?

Gli altri componenti della famiglia, compresi gli adulti, potrebbero venir infettati. Il medico può effettuare un test a tutti i membri della famiglia che riferiscano mal di gola, compresi i bambini sotto i tre anni. Nella maggior parte dei casi non è necessario sottoporre al test i membri della famiglia asintomatici.

 

5. Cosa posso fare per evitare di diffondere la faringite streptococcica?

La diffusione della faringite streptococcica può essere ridotta avendo cura di lavarsi accuratamente le mani, in special modo dopo aver tossito o starnutito e prima di cucinare e mangiare. Le persone con mal di gola dovrebbero farsi visitare da un medico che possa effettuare i test necessari a rilevare la presenza di faringite streptococcica. Nel caso in cui i test siano positivi, le persone affette dovrebbero astenersi dal frequentare i luoghi di lavoro o la scuola e rimanere a casa fino a 24 ore dopo l’assunzione della prima dose di antibiotico.

 

6. Ho già avuto la faringite streptococcica e sono già stato trattato con gli antibiotici. Posso ammalarmi nuovamente?

Si. Nonostante gli anticorpi proteggano coloro che sono già stati infettati da streptococchi del gruppo A, esistono molteplici ceppi di questi organismi. Pertanto è improbabile essere immuni a tutti i ceppi ed è possibile che chi abbia già avuto la faringite streptococcica, si ammali nuovamente. Il modo migliore per diminuire il rischio di trasmissione agli altri è di limitare il contatto stretto con altre persone nel caso in cui ci si senta male e lavare le mani spesso e accuratamente con acqua e sapone o con detergenti a base di alcol.

 

7. Cos’è un test ASLO e come viene utilizzato per rilevare una infezione da streptococco?

Il Titolo antistreptolisinico (ASLO) è un esame del sangue; esso viene utilizzato come aiuto nella diagnosi di infezioni in atto o passate dello streptococco del gruppo A (Streptococcus pyogenes). Il test rileva la presenza di anticorpi anti-streoptolisina O, uno dei tanto antigeni dello streptococco di gruppo A. Rispetto a trenta anni fa, il test è richiesto raramente. Questo tipo di test non è utile in caso di faringite streptococcica acuta; sono invece indicati il test rapido e/o la coltura del tampone faringeo. Tuttavia, se il clinico vuole verificare la presenza di una recente infezione da streptococco non diagnosticata, questo test può essere utile. Inoltre può essere risolutivo nel caso in cui siano presenti febbre reumatica o glomerulonefrite, poiché esse possono svilupparsi anche settimane dopo l’infezione da streptococco del gruppo A, quando ormai il test rapido o la coltura del tampone faringeo darebbero fornire risultati negativi.

 

8. Esistono altri tipi di infezioni dovuti a streptococco del gruppo A?

Si. Lo streptococco del gruppo A può anche causare infezioni indipendenti dalla faringite streptococcica, come l’impetigine e, raramente, delle condizioni maggiormente invasive come la sindrome da shock tossico o la fascite necrotizzante (causata da i così detti “batteri mangia carne”).

 

9. Esistono altri tipi di streptococchi che causano faringite streptococcica?

Si. Gli streptococchi del gruppo C e G, normalmente presenti negli animali, possono causare faringite streptococcica negli esseri umani. Tuttavia questi batteri non sono associati al rischio di serie complicanze secondarie come quelle che si possono avere in caso di infezioni da streptococco del gruppo A. Gli antibiotici usati nel trattamento delle infezioni dovute allo streptococco del gruppo A, sono altrettanto efficaci anche contro questi organismi.

[Back to top]


Questo contentuto è stato modificato il08.06.2016