Fosfatasi alcalina (ALP)

Noto anche come: ALP
Nome: Fosfatasi alcalina
Esami associati: AST, ALT, Bilirubina, Pannello Epatico, Marcatori ossei, GGT

Il campione da analizzare

Cosa viene testato?
La fosfatasi alcalina (ALP) è un enzima che si trova in diversi tessuti dell’organismo, inclusi fegato, ossa, reni, intestino e placenta delle donne in gravidanza. Nelle cellule ossee ed epatiche c’è la quantità più alta di ALP. Questo esame misura la concentrazione di ALP nel sangue.
Nel fegato, ALP si trova nelle cellule che rivestono i dotti biliari, tubuli sottili che trasportano la bile dal fegato all’intestino, dove aiuta a digerire i grassi. L’ALP ossea è prodotta da cellule speciali chiamate osteoblasti, coinvolte nella formazione dell’osso. Ogni tipo di tessuto produce forme diverse di ALP, che prendono il nome di isoenzimi.
Concentrazioni elevate di ALP nel sangue sono di solito causate da malattie epatiche o ossee. Se uno o più dotti biliari sono bloccati, la quantità di enzima nel sangue aumenta molto. Nel carcinoma epatico, nella cirrosi, nell’epatite e durante l’uso di farmaci tossici per il fegato, si assiste invece ad un blando rialzo di ALP. Ogni condizione che provoca un’eccessiva formazione ossea, incluse malattie come il morbo di Paget, può aumentare la concentrazione di ALP. I bambini e gli adolescenti di solito hanno concentrazioni più alte di ALP in circolo perché le ossa sono ancora in crescita. Per questo, l’esame va interpretato usando valori di riferimento (valori normali) diversi per bambini e adulti.
E’ possibile distinguere tra le varie forme (isoenzimi) di ALP prodotte dai differenti tipi di tessuti nell’organismo. Quando non è evidente da segni e sintomi se la fonte di ALP sia epatica o ossea, deve essere eseguito un altro test per capire quale tipo di isoenzima risulta aumentato nel sangue.

Come viene raccolto il campione da testare?
Un campione di sangue viene prelevato da una vena del braccio.
NOTA: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d' ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.
Un ulteriore articolo: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico

Esiste una preparazione al  test che possa assicurare la buona qualità del campione?
E’ preferibile fare il prelievo a digiuno, anche se non è obbligatorio. In alcune persone il consumo di carne può aumentare leggermente la concentrazione di ALP, per qualche ora. Di solito il prelievo viene fatto dopo una notte di digiuno, in cui è consentito solo bere acqua.

[Back to top]


Questo contentuto è stato modificato il23.11.2015