Emoglobina


Domande frequenti
1. E’ possibile fare un test dell’emoglobina a casa?
2. Esistono persone che hanno un rischio più elevato di avere livelli anomali di emoglobina?
3. Esistono dei campanelli dall’allarme che indichino basse concentrazioni di emoglonbina?

4. Una dieta sana e bilanciata può favorire una concentrazione ottimale di emoglobina?

1. E’ possibile fare un test dell’emoglobina a casa?
Sì, ora esistono dei test in commercio, approvati dalla Food Drug Administration (FDA) americana,. I test eseguibili a casa offrono molti vantaggi ma è anche importante rendersi conto del compromesso fra qualità e convenienza che essi rappresentano; è opportuno proteggersi dalla possibilità di risultati inesatti anche in relazione alla propria mancanza di esperienza.
E’ bene tenere presente che per conoscere il valore corretto della propria emoglobina è necessario rivolgersi ad un laboratorio analisi. Rivolgersi al proprio medico per ulteriori informazioni.

2. Esistono persone che hanno un rischio più elevato di avere livelli anomali di emoglobina?
Le donne in età fertile tendono ad avere livelli di emoglobina più bassi rispetto agli uomini, ciò è dovuto alla perdita di ferro e di sangue durante le mestruazioni ed hanno un bisogno aumentato di ferro durante la gravidanza. Ad essere a rischio di avere una bassa concentrazione emoglobinica (anemia) sono anche gli individui denutriti, o che hanno una dieta povera di ferro e vitamine, le persone che hanno subito un intervento chirurgico, o che hanno riportato gravi ferite, le persone con malattie croniche quali patologie renali, tumori, HIV/AIDSpatologie infiammatorie intestinali, infezioni croniche o patologie infiammatorie croniche (es. artrite reumatoide). Coloro che hanno un membro della famiglia con anemia da causa genetica, come anemia falciforme o talassemia, hanno un alto rischio di avere le stesse patologie, e quindi di manifestare anemia.

3. Esistono dei campanelli dall’allarme che indichino basse concentrazioni di emoglobina?
Sì: affaticamento, svenimenti, pallore e respiro corto.

4. Una dieta sana e bilanciata può favorire una concentrazione ottimale di emoglobina?
Sì, seguendo una dieta sana e bilanciata, si può prevenire la comparsa di anemia dovuta a carenza di ferro, vitamina B12 o folati (assorbiti col cibo). D’altra parte però la più comune causa di carenza di vitamina B12 è il malassorbimento, e la più comune causa di carenza di ferro è il sanguinamento. Queste patologie insieme ad altre carenze non possono essere corrette con la dieta.


[Back to top]


Questo contentuto è stato modificato il25.05.2015