Carico virale

Noto anche come: Test di amplificazione dell’acido nucleico (NAAT), NAT, HIV PCR, Test quantitativo RNA del plasma, Quantificazione dell’HIV
Nome: Virus a RNA dell’immunodeficienza umana
Esami associati: Anticorpi anti-HIV, CD4

Che cosa viene sottoposto a test ?
Questo test scopre e/o misura la quantità (carico virale) di RNA (acido nucleico) del virus dell’immunodeficienza umana (HIV)nel sangue. È il virusche causa la sindrome di immunodeficienza acquisita (AIDS). Quando una persona é infettata dall’HIV, il virus si replica — produce sempre più copie di se stesso — e si sposta nei linfonodi, nella milza, ed in altre parti del corpo. Nelle prime fasi dell’infezione, possono non esserci segnio sintomievidenti di malattia o solo sintomi simili all’influenza, benché il virus sia di solito presente in grandi quantità. Anche quando non ci sono sintomi, il virus continua a replicarsi ed a danneggiare o uccidere le cellule immuni. Successivamente il sistema immunitario é così indebolito che la malattia inizia a colpire la capacità del corpo a combattere le infezioni e certi tipi di cancro. Più sintomi iniziano ad apparire a questo punto, dato che il corpo diventa più suscettibile a infezioni di microorganismicome la tubercolosie i funghio altre malattie come il sarcoma di Karposi.

Circa 3-8 settimane (raramente fino a sei mesi) dopo l’esposizione al virus, il corpo incomincia a produrre anticorpiHIV in risposta all’infezione. Si possono scoprire questi anticorpi con un test di schermatura per determinare se si è stati infettati dall’HIV. comunque, se l’esposizione al virus é avvenuta nelle ultimissime settimane, il livello di anticorpi può non essere abbastanza alto da essere scoperto. È in questo “periodo alla finestra” di esposizione più recente che il virus può essere scoperto con un test HIV RNA (viral load) che determini la situazione HIV. Dato che il livello di tecnologia e le risorse necessarie per questo test sono alti, non é altrettanto ampiamente disponibile quanto il test anticorpi ed é usato poco sovente per la diagnosi. Occasionalmente si usa un test antigene p24per scoprire un’infezione HIV ai primi stadi.

Man mano che l’ HIV progredisce, il  virus continua a replicarsi ed il numero di copie del virus, o viral load, nel sangue aumenta. Se ad un paziente é stato diagnosticato l’HIV, la misurazione di un carico virale di HIV (HIV RNA) da al medico un’indicazione generale di quanto HIV sia presente nel corpo e quanto rapidamente il virus si replichi. Il test può aiutare a determinare, insieme al conteggio CD4, se e quando si dovrebbe iniziare la cura, quando sottoporre a test la resistenza ai farmaci, o se é necessario un diverso tipo di protocollo di cure. Il trattamento con agenti antiivirali può diminuire il carico virale nel sangue fino a livelli bassi o non visibili ma non può sradicarlo completamente dal corpo.

 

Come viene raccolto il campione per il test?
Un campione di sangue viene prelevato tramite ago da una vena del braccio.
NOTA: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d' ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un ulteriore articolo, Seguire il campione: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico
 


Questo contentuto è stato modificato il22.10.2009