CEA

Noto anche come: Antigene carcinoembrionario (CEA)
Nome: Antigene carcinoembrionario
Esami associati: Marcatori Tumorali, CA 19-9, Analisi del liquido cerebrospinale (CSF), AFP- marcatore tumorale, Analisi dei fluidi corporei

In sintesi

Perché fare il test?
Principalmente per monitorare il trattamento dei tumori, ovvero la risposta alla terapia e le insorgenze di recidive; come indicatore della grandezza massa tumorale presente (carico tumorale) e come supporto nella determinazione della prognosi e della stadiazione del tumore; per determinare la diffusione del tumore (metastasi); occasionalmente come esame successivo ad una positività ad un test di screening per il cancro, per determinare se il tumore sia davvero presente nell’organismo. Questo test non è utile come screening sulla popolazione generale.

Quando fare il test?
Quando il paziente è stato diagnosticato per tumore al colon, al pancreas, al seno, al polmone, all’ovaio, alla porzione midollare della tiroide o per altri tipi di cancro, prima di iniziare la terapia e poi, se elevato, ad intervalli regolari durante e dopo la terapia; occasionalmente quando si abbia il sospetto della presenza di cancro ma non se ne abbia la conferma, ovvero come supporto nella sua determinazione.

Che tipo di campione viene richiesto?
Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio. Occasionalmente in altri fluidi corporei, quali il liquido peritoneale, il liquido pleurico, il liquido cerebrospinale (CSF).

Il test richiede una preparazione?
No.


Questo contentuto è stato modificato il19.08.2015