PTH

Noto anche come: PTH intatto, PTH “biointatto”, Paratormone
Nome: Ormone paratiroideo
Esami associati: Calcio, Magnesio (Mg), 25- OH vitamina D e 1,25- OH Vitamina D, Fosforo

L’esame

Come si usa?
Quando viene prescritto?
Che cosa significa il risultato del test?
C'è qualcos'altro da sapere?

 

Come si usa?
Il PTH intatto è il test per l’ormone paratiroideo più frequentemente richiesto. Questo esame viene richiesto come sostegno alla diagnosi della causa della presenza di livelli di calcio alti o bassi e per la diagnosi differenziale tra cause paratiroidee o non paratiroidee.  Può anche essere richiesto per monitorare l’efficacia di una trattamento di un paziente affetto da una patologia di tipo paratiroideo. Il PTH viene  infine richiesto normalmente nel monitoraggio dei pazienti con patologie renali croniche o che si sottopongono a dialisi.
Spesso il  PTH viene richiesto insieme al test del calcio. Infatti non sono solo importanti i livelli del calcio e del PTH del sangue, ma anche l’equilibrio tra essi e la risposta delle ghiandole paratiroidee alle variazioni dei livelli del calcio. Di solito i clinici pongono particolare attenzione alla presenza di gravi squilibri nella regolazione del calcio che potrebbero richiedere un intervento medico, o alla presenza di squilibri persistenti indicativi di una patologia sottostante.
I livelli di PTH possono essere richiesti anche nel monitoraggio dei pazienti con condizioni o patologie in grado di determinare uno sbilanciamento cronico dei livelli di calcio o in pazienti che sono stati sottoposti ad interventi chirurgici o altri trattamenti per la presenza di tumori paratiroidei.

 

Quando viene prescritto?
Il PTH può essere richiesto in seguito al riscontro di un risultato anomalo del test del calcio. Può poi essere richiesto in presenza di sintomi legati ad ipercalcemia, come:

  • Affaticamento
  • Nausea
  • Dolori addominali
  • Senso sete

 

Il PTH può essere richiesto anche in presenza di sintomi legati ad ipocalcemia, come:

  • Dolori addominali
  • Crampi muscolari
  • Formicolii nelle dita delle mani o dei piedi

 

Il test del PTH può essere richiesto ad intervalli regolari insieme al test del calcio, nel caso di pazienti trattati per malattie o condizioni che riguardano la regolazione del calcio, come in seguito alla rimozione di un tumore paratiroideo, o in presenza di una condizione patologica cronica come una  malattia renale.
Talvolta l’esame per la misura del PTH può essere richiesto durante un intervento chirurgico  (PTH intraoperatorio) per la valutazione in tempo reale della completa rimozione del carcinoma o dell’adenoma presente nelle paratiroidi.

[Back to top]

Che cosa significa il risultato del test?
Il clinico dovrebbe valutare contemporaneamente i risultati relativi ai livelli del calcio e del PTH, in modo da valutare il bilanciamento dei due valori. Se sia i livelli di calcio che di PTH sono normali, allora è verosimile che il sistema di regolazione del calcio dell’organismo funzioni in maniera appropriata.
Bassi livelli di PTH possono essere dovuti alla presenza di patologie che causano ipercalcemia o ad  un’alterazione della produzione di PTH chiamata ipoparatiroidismo. L’iperparatiroidismo causa invece una produzione eccessiva di PTH ed è frequentemente dovuto alla presenza di tumori benigni delle paratiroidi. Raramente può essere causato dal cancro.

La tabella sottostante riassume i possibili risultati con le relative interpretazioni:

 

Calcio

PTH

Interpretazione

Normale

Normale

Il sistema di regolazione del calcio funziona

Basso

Alto

Il PTH risponde in maniera corretta; sono necessari ulteriori test per la valutazione delle cause di ipocalcemia

Basso

Normale o Basso

Il PTH non risponde in maniera corretta; probabile ipotiroidismo

Alto

Alto

Le paratiroidi producono troppo PTH; è necessario sottoporsi a metodiche di diagnostica per immagini per la valutazione di un eventuale iperparatiroidismo.

Alto

Basso

Il PTH risponde in maniera corretta; sono necessari ulteriori test per la ricerca di patologie non paratiroidee correlate con gli elevati livelli di calcio.

Normale

Alto

Iperparatiroidismo moderato

 

Relazione calcio-PTH

  • Se i livelli di calcio sono bassi e quelli del PTH sono alti, allora le paratiroidi rispondono in maniera adeguata producendo PTH. In base al grado dell’ipocalcemia, il clinico può approfondire il motivo della presenza dei bassi livelli di calcio richiedendo esami come la misura della vitamina D, del fosforo o del magnesio.
  • Se i livelli di calcio sono bassi e i livelli di PTH sono normali o bassi, allora il PTH non risponde in maniera appropriata e il paziente è verosimilmente affetto da ipoparatiroidismo. L’ipoparatiroidismo riguarda l’incapacità delle paratiroidi di produrre adeguati livelli di PTH. Può essere dovuto a molteplici condizioni e può essere persistente, progressivo o transitorio. Le cause includono malattie autoimmuni, danneggiamento delle paratiroidi o loro rimozione chirurgica, patologie genetiche o grave stato di malessere. I pazienti affetti da ipoparatiroidismo in genere presentano bassi livelli di PTH, bassi livelli di calcio e alti livelli di fosforo.
  • Se i livelli di calcio e di PTH sono elevati, allora le paratiroidi stanno producendo quantità eccessive di PTH. Il clinico può valutare la gravità dell’iperparatiroidismo tramite una radiografia o altre tecniche di diagnostica per immagini. L’iperparairoidismo comprende un gruppo di patologie caratterizzate dalla produzione eccessiva di PTH ad opera delle paratiroidi; esiste l’iperparatiroidismo primario, secondario e terziario.
  • Se i livelli di calcio sono alti ma i livelli di PTH sono bassi, allora le paratiroidi funzionano correttamente ma il clinico può richiedere ulteriori esami per la diagnosi di eventuali patologie non tiroidee responsabili dell’innalzamento dei livelli di calcio. Possono ad esempio essere presenti delle mutazioni al livello dei recettori del calcio o dei tumori in grado di secernere peptidi con attività simile al PTH  in grado di aumentare i livelli di calcio e diminuire quelli del PTH.

 

C’è qualcos'altro da sapere?
Attualmente il test maggiormente richiesto è la misura del PTH intatto che misura la molecola intera (PTH 1-86) e i frammenti di maggiori dimensioni (PTH 1-74). Nonostante questo test sia conosciuto come “PTH intatto”, esso è in grado di misurare anche i frammenti di maggiori dimensioni, lievemente più corti rispetto alla molecola intera. Esistono dei test più nuovi ma meno comuni, in grado di discriminare tra la molecola integra (con la maggiore attività) e i frammenti. I test per il PTH “intatto” o “bioattivo” hanno pertanto intervalli di riferimento diversi ma di solito forniscono un’interpretazione simile. Gli effetti dei livelli di frammentazione del PTH e delle patologie correlate sono ancora i corso di studi ma in futuro i due test potrebbero fornire due tipi di informazioni differenti e complementari.
I farmaci in grado di aumentare i livelli di PTH includono fosfati, anticonvulsivi, steroidi, isoniazide, litio, e rifampicina.

[Back to top]


Questo contentuto è stato modificato il16.10.2016