Che cos'è?

La tiroide è una piccola ghiandola,a forma di farfalla localizzata appena sopra il pomo di Adamo. Questa ghiandola gioca un ruolo molto importante nel controllo del metabolismo del tuo organismo,che è, la velocità alla quale il tuo corpo usa l'energia.
Essa agisce producendo ormoni tiroidei (principalmente tiroxina, o T4, e triiodiotironina, o T3), sostanze chimiche che attraverso il sangue arrivano a varie parti del corpo.Questi ormoni tiroidei  dicono alle cellule dell'organismo a che velocità usare l'energia e produrre proteine. La tiroide produce anche calcitonina, un ormone che aiuta a regolare i livelli di calcio nel sangue inibendo il riassorbimento dell'osso e aumentando l'eliminazione del calcio da parte del rene.

L'organismo ha un elaborato sistema di feedback per controllare la quantità di T4 e T3 nel sangue. Quando i livelli nel sangue diminuiscono, l'ipotalamo (un organo localizzato nel cervello) libera l'ormone che rilascia la tireotropina, che a sua volta induce la ghiandola pituitaria (una piccola ghiandola localizzata sotto l'ipotalamo e quasi al centro della testa) a rilasciare l'ormone stimolante la tiroide (TSH). Il TSH stimola la tiroide a  produrre e secernere ormoni tiroidei. Quando nel sangue c'è sufficiente ormone tiroideo, la quantità di TSH prodotta diminuisce.

All'interno della tiroide la maggior parte del T4 è immagazzinata legata ad una proteina chiamata tireoglobulina. Quando è necessario, la tiroide produce più T4 e/o rilascia in circolo un po' di quello che è immagazzinato.Nel flusso sanguigno, la maggior parte del T4 è legato ad una proteina chiamata globulina legante la tiroxina (TBG) ed è relativamente inattiva. E' il T3 il principale responsabile del controllo della regolazione delle funzioni dell'organismo. Il T3 deriva dalla conversione del T4 in T3.Questa conversione avviene nel fegato e in molti altri tessuti.

Le malattie tiroidee sono malattie che  principalmente riguardano la quantità di ormoni tiroidei che vengono prodotti. Alcuni soggetti ne producono molto poco, dando luogo a ipotiroidismo e ad  un rallentamento delle funzioni corporee che causano sintomi, come aumento di peso, secchezza della pelle, costipazione, intolleranza al freddo, pelle gonfia, caduta di capelli, stanchezza, e irregolarità mestruale nella donna. L'ipotiroidismo grave non curato,chiamato mixedema, può portare ad attacco cardiaco, convulsioni, e coma. Nel bambino, l'ipotiroidismo può ritardare la crescita e ritardare lo sviluppo sessuale. Nei neonati, esso causa ritardo mentale. Per questo motivo e poiché la malattia può essere trattata e il danno minimizzato se individuata precocemente, la ricerca dell'ipotiroidismo negli Stati Uniti è  eseguita come parte di programmi di screening sul  sangue del neonato.

 

Se la malattia tiroidea produce eccessive quantità di ormoni tiroidei, la conseguenza è l'ipertiroidismo e l'accelerazione delle funzioni corporee.Questo può portare a sintomi come l' aumento della frequenza cardiaca, ansietà, perdita di peso, insonnia, tremori alle mani, debolezza, e qualche volta diarrea. Può esserci gonfiore intorno agli occhi, secchezza, irritazione, e, in qualche caso, rigonfiamento degli occhi. Le persone ammalate possono mostrare sensibilità alla luce e disturbi visivi. Poiché gli occhi possono non muoversi normalmente, la persona può sembrare con lo sguardo fisso.

Aumentati livelli di calcitonina sono associati con due rare malattie, tumore midollare tiroideo e iperplasia benigna delle cellule C. Quando viene prodotta eccessiva calcitonina, il paziente può avere diarrea cronica.

I disturbi tiroidei frequentemente causano un ingrossamento della ghiandola tiroidea e/o causano  la crescita di uno o più noduli (masse nella tiroide). Quando  l'ingrossamento della tiroide aumenta al punto che si può osservare una massa a livello della  faringe, esso è chiamato gozzo. Qualche volta questo ingrossamento sarebbe dolente e può causare al paziente la percezione di avere qualcosa bloccata nella gola o di avere difficoltà a deglutire.

avanti
Questo contentuto è stato modificato il 07.05.2008